29/11/2020

Comproprietà addio?

Marzo 2, 2014 di  
Inserito in Calcio news, Calciomercato news

Una delle formule più usate in sede di calcio mercato, per quanto riguarda le trattative relative alla “compravendita” dei giocatori, era quella della comproprietà, che funzionava anche come una sorta di tutela, di garanzia verso le società “minori”, diciamo così, negli anni 60-70, società come la Spal, il Lanerossi Vicenza, l’Atalanta hanno “campato” su questa formula, SISTEMANDO I LORO BILANCI. Secondo quello che riferisce “La Gazzetta dello Sport”, lunedi 4 marzo 2014, nel consiglio di Lega, si discuterà della proposta  che la commissione aveva riproposto riguardante l’abolizione della comproprietà, al fine di adattarsi al modello europeo, che in sede europea, si presenta come un’ anomalia tutta italiana. Società come la Juve, la Lazio, e più in generale le grandi società vorrebbero abolirla, però c’è chi si oppone, chi dice di no a questa decisione e guarda caso sono le cosiddette società di provincia, come si diceva una volta, anche se questo termine è un po’ in disuso, come Atalanta, Bologna, Udinese. Questa della comproprietà è una cosa importante.