28/03/2017

La Nigeria si fa male da sola. Rimonta e riscatto greco

giugno 17, 2010 di  
Inserito in Mondiali 2010

Bloemfontein- Un attimo di follia e la papera di un portiere sin lì quasi miracoloso. Può essere riassunto così il ‘suicidio’ sportivo della Nigeria. Un harakiri in piena regola che compromette il cammino delle Super Aquile e resuscita la derelitta Grecia, alla prima storica vittoria in un Mondiale. Prima il calcione ingenuo e inutile rifilato da Kaita a Torosidis (per altro nemmeno ‘giustificato’ da una precedente provocazione), poi l’erroraccio di Enyeama permettono agli ellenici di rimontare lo svantaggio iniziale (a segno Uche al 16′) con Salpingidis e lo stesso difensore dell’Olimpiakos e tornare in corsa per gli ottavi, quando la prematura eliminazione pareva ormai ad un passo.

– Guarda le azioni salienti del match e il calendario Mondiali 2010 con risultati e classifiche gironi –

Vantaggio e follia– E’ lecito dire che Rehhagel, il tecnico del miracolo di Euro 2004, ha più di un santo in paradiso. Fino alla follia di Kaita, infatti, la Grecia è abbacchiata e rassegnata e al 16′ si trova già in svantaggio (punizione di Uche che attraversa tutta l’area e sorprende Tzorvas). In superiorità numerica inizia tutt’un altra partita, con gli ellenici all’assalto del fortino nigeriano. Che crolla al 44′ dopo un paio di grandi interventi di Enyeama e un salvataggio sulla linea di Haruna. Lo stesso sfortunato protagonista del pari avversario: la sua leggera deviazione risulta decisiva sulla botta da fuori di Salpingidis.

Papera Enyeama– Lo spartito non cambia dopo l’intervallo. La nazionale di Rehhagel carica a testa bassa, Gekas sbaglia un gol fatto e Samaras viene stoppato alla grande da Enyeama. A differenza del primo tempo, però, anche la Nigeria esce dal guscio e sfiora il clamoroso vantaggio. Su azione di contropiede Tsorvas ‘miracoleggia’ su Yakubu, e sulla ribattuta Obasi si divora un gol a porta vuota. Come se non bastasse, accade l’impensabile. Ovvero che il numero uno delle Aquile, autore di due super prestazioni, faccia la frittata sul tiro senza pretese di Tziolis. Torosidis ne approfitta e tiene vive le chanche qualificazione della Grecia, che all’ultima giornata se la vedrà con l’Argentina. Alla nazionale di Lagerback, ancora inchiodata a quota zero, servirà un successo sulla Corea e più di un miracolo per passare il turno.

TABELLINO
GRECIA-NIGERIA 2-1 (1-1)

MARCATORI: al16′ p.t. Uche, al 44′ p.t. Salpingidis; al 26′ s.t. Torosidis.

GRECIA: Tzorvas, Vyntra, Kyrgiakos, Torosidis, Tziolis, Papadopoulos, Papastathopoulos (dal 36′ p.t. Samaras), Karagounis, Katsouranis, Salpingidis, Gekas (dal 34′ s.t. Ninis). (Chalkias, Seitaridis, Patsa, Spyropoulos, Moras, Charisteas, Kapetanos, Malezas, Sifakis). All. Rehhagel.

NIGERIA: Enyeama, Odiah, Shittu, Yobo, Taiwo (dal 10′ s.t. Echiejile, dal 32′ s.t. Afolabi), Uche, Etuhu, Haruna, Kaita, Yakubu, Odemwingie (dal 1′ s.t. Obasi). (Aiyenugba, Ejide, Kanu, Utaka, Martins, Ideye, Ayila, Obinna, Adeleye). All. Lagerback.

ARBITRO: Ruiz (Col).
NOTE: ammoniti Papastathopoulos, Tziolis, Samaras, Obasi; espulso Kaita.