24/07/2017

Triplo Higuain, l’Argentina vola verso gli ottavi

giugno 17, 2010 di  
Inserito in Mondiali 2010

Johannesburg– Domina per un tempo, rischia una buona mezz’ora poi dilaga. L’Argentina di Maradona si sbarazza -con più difficoltà di quanto dica il 4-1 finale- di una buona Corea del Sud ipotecando il passaggio agli ottavi. Che potrebbe diventare matematico tra poche ore se tra Grecia e Nigeria non uscirà il segno 1. Grande protagonista di giornata Gonzalo Higuain, autore di una tripletta che lo consacra a nuovo capocannoniere del Mondiale.

– Rimani aggiornato sul calendario Mondiali 2010 con classifiche dei gironi e i risultati – Guarda i gol del match

Show in attacco, balbettii in difesa- Dopo la penuria di gol e spettacolo delle prime giornate, il pubblico di Johannesburg si è finalmente divertito. L’albiceleste, così come nel match con la Nigeria, macina gioco e occasioni, con la sostanziale differenza che stavolta le capitalizza. Se là davanti Tevez e Messi ispirano e Higuain veste i panni del super bomber, i problemi per Maradona vengono da dietro. Dall’infortunio di Samuel (sostituito da Burdisso) e dal grossolano errore di Demichelis che ha permesso a Lee Chung a fine primo tempo di riaprire la contesa.

La cronaca– Sin lì, infatti, sembrava tutto facile per i sudamericani. Tevez e Di Maria spingono da subito come dannati e i coreani subiscono senza colpo ferire. Al quarto d’ora arriva più che mai propizio il maldestro autogol di Park Chu su punizione di Messi e su un altro calcio da fermo ecco il raddoppio di Higuain, che sfrutta di testa la torre di Burdisso. Strada più che mai in discesa per la squadra di Maradona, non fosse per l’erroraccio di Demichelis al 46′.
Inaspettatamente di nuovo in partita, i coreani sembrano ricordarsi quanto di buono mostrato all’esordio con i greci, sfruttando le amnesie difensive di un’Argentina ballerina dalla cintola in giù. Come al 13′, quando Ki Hun spara fuori il possibile pari. ‘Annusato’ il pericolo, Messi e compagni capiscono che è meglio non rischiare oltre. La Pulce innesta finalmente il turbo e sale in cattedra, propiziando prima il 3-1 di Higuain (che raccoglie la conclusione del compagno finita sul palo per il più facile dei gol), poi dando il ‘la’ in cooperazione con Aguero alla splendida azione che manda ancora in rete il madridista. Ora gli ottavi sono davvero ad un passo.