25/05/2017

Colpo grosso Svizzera, Spagna “matata”!

giugno 16, 2010 di  
Inserito in Mondiali 2010

Durban– Eccola, la prima sorpresa di Sudafrica 2010. Una sorpresona coi fiocchi. I campioni d’Europa della Spagna, una delle grandi favorite del torneo, finisce al tappeto di fronte all’italica astuzia della Svizzera. Con una partita tutta catenaccio e contropiede in puro stile nostrano, gli elvetici affondano clamorosamente l'”Armada invencible” spagnola, a cui rimane in mano il classico pugno di mosche. La nazionale iberica ricade nell’antico vizio: tanto possesso palla, dominio del gioco ma poche vere occasioni e soprattutto nessun gol. Il gol, invece, lo fanno gli svizzeri con Gelson Fernandes all’8′ della ripresa, prima di colpire un palo con Derdiyok. Un inno alla praticità e concretezza, virtù sconosciute al calcio spagnolo. Inutile il forcing finale degli uomini di Del Bosque: il loro cammino mondiale è già in salita, mentre la band Hitzfield può esultare per una vittoria più che mai imprevista.

– Guarda gli highlights del match –

Sterilità ibericaHitzfield sa benissimo che non può competere con la qualità degli spagnoli, perciò si copre a dovere con un centrocampo folto e una tattica abbottonata. La compattezza e organizzazione svizzera, evidenziata dalla striscia di 5 match mondiali trascorsi senza subire reti, è il muro contro cui sbatte la solita ragnatela tessuta dei vari Xavi, Iniesta e Xabi Alonso. Un “tiqui taca” improduttivo, dove l’occasione migliore per sbloccare il punteggio capita ad un difensore, Piquè, mentre Villa orfano di Torres è troppo isolato. Con l’andare dei minuti la Svizzera inizia ad organizzare qualche ripartenza fino al cruciale minuto 8 del secondo tempo. Puyol buca un anticipo, Derdiyok s’invola solo davanti a Casillas che lo mura ma la sfera carambola sul suo corpo e finisce a Fernandes, che può ribadire in rete.

Vani assalti– Il sigillo del centrocampista del City di origine capoverdiane risulterà decisivo. Inutile l’ingresso di Torres e Navas, gli spagnoli recapiteranno cross su cross in area senza successo. E’ anzi la Svizzera ad andare vicinissima al 2-0 con Derdiyok, che colpisce il palo in contropiede. Per gli uomini di Hitzfield è festa grande, la Spagna è già al primo bivio: contro l’ottimo Cile ammirato oggi servirà una vittoria ad ogni costo.