27/03/2017

Fabio inchioda sullo 0-0 l’Estudiantes. Verdetto rinviato al ritorno

luglio 9, 2009 di  
Inserito in Copa Libertadores 2010

fabio-cruzeiro

Fabio vola su ogni tentativo dell’Estudiantes

La Plata– Finisce senza vincitori nè vinti il primo atto della finale di Libertadores. Il primo round si chiude sullo 0-0 e rinvia qualsiasi discorso al return match di in terra carioca di mercoledì prossimo. Ma al Ciudad de La Plata non c’è stato spazio per noia e sbadigli: il Pincha, imbattuto in casa, ha tenuto fede alle aspettative premendo sull’acceleratore dal 1′, ma è andato a sbattere contro un immenso Fabio. Il numero uno carioca è indiscutibilmente l’hombre del partido, ma anche l’unica nota lieta di un Cruzeiro arroccato più che mai. Scelta che ha pagato, ma a Belo Horizonte è lecito attendersi ben altro tipo di atteggiamento.

La partita– Estudiantes e Cruzeiro si affrontano per la prima volta nella loro storia in una finale di Libertadores. Finale che manca ai carioca dal 1997, mentre per gli argentini addirittura da 39 anni. Il leit motiv del match è chiaro da subito: Pincha in avanti a testa  bassa illuminato dal genio di un Veron che, sebbene a mezzo servizio, fa ancora la differenza; Raposa a difesa dello 0-0. Pareggio ad occhiali che gli uomini di Batista difendono con mezzi leciti e non: sorprende vedere una squadra brasiliana rifilare calcioni e rinunciare a giocare, sebbene le difficoltà in trasferta siano state palesate più volte nell’arco del torneo. Gli sforzi degli ospiti sarebbero però vani se non vi fosse un super Fabio, capace di opporsi a tutti i tentativi dell’Estudiantes. La formazione di Sabella le prova tutte senza fortuna fino all’inevitabile calo finale. Negli ultimi minuti, infatti, il Cruzeiro potrebbe piazzare il colpo grosso con Kleber e Wellington Paulista. Ma sarebbe stato veramente troppo.