28/03/2017

Under 21, la Germania cala il poker e vince l’Europeo

giugno 29, 2009 di  
Inserito in Calcio giovanile

SOCCER/

Platini consegna la coppa alla Germania campione d’Europa Under 21

MALMOE – Una Germania semplicemente stratosferica a livello giovanile. Nel giro di un mese la nazionale tedesca è riuscita nell’impresa di centrare una tripletta storica: Europeo Under 17, Under 19 ed Under 21. Per quanto riguarda la categoria Under 21, si tratta della prima affermazione nella storia. I tedeschi stravincono (4-0) a spese di un’Inghilterra, data fin dall’inizio come grande favorita, troppo rimaneggiata e incapace di di contrastare lo strapotere fisico della Germania. All’Italia rimane la magra consolazione di essere stata eliminata, dominando per lunghi tratti, dalla squadra vincitrice del titolo. Alla Germania va invece il grande merito di aver saputo fare dell’integrazione la sua arma vincente, schierando una squadra multietnica eppure perfettamente affiatata. Un bel messaggio da parte di chi, fino a pochi anni fa, sventolava il vessillo dell’antisemitismo, che arriva dritto a chi ancora oggi, sui nostri lidi,  si scandalizza all’idea che esistano italiani di colore.

IL MATCH – Il tecnico tedesco Hrubesch si affida ad una formazione attendista, un 4-1-4-1 con il centrocampista Hummels del Borussia Dortmund posizionato davanti alla difesa. L’obiettivo è chiaramente quello di aspettare le iniziative inglesi e di ripartire con ordine. L’Inghilterra deve fare i conti con le pesanti assenze di Agbonlahor e Campbell, che costringono Walcott a giocare nel ruolo a lui poco congeniale di punta centrale, e del portiere Hart, fattosi ammonire stupidamente durante la lotteria dei calci di rigore con la Svezia. Titolare al suo posto Loach, non esente da colpe sui gol, soprattutto il secondo. Al 23′ la Germania passa in vantaggio: Ozil, fantastista di origini turche a cui spetta il difficile compito di rimpiazzare Diego nel Werder Brema, fornisce un assist al bacio per Castro. Il difensore di origini spagnole non sbaglia e porta la sua squadra sull’1-0. Gli avversari inglesi, senza punte di ruolo, non riescono a pungere e faticano a costruire gioco.

SUPER OZIL – Nel secondo tempo sale in cattedra Ozil. In avvio di ripresa segna il gol del 2-0 con la complicità del portiere Loach, che valuta male la traiettoria di un calcio di punizione battuto da distanza innocua. Al 57′ si vede finalmente l’Inghilterra, che va vicina al goal con una conclusione di Cattermole che colpisce la traversa. Al 78′ Wagner fallisce una clamorosa occasione per chiudere il match, ma si fa perdonare immediatamente mettendo a segno la doppietta, ancora assist di Ozil, che vale il poker. Tanti rimpianti per gli inglesi, fino a quel momento forti dell’attacco più prolifico del torneo, ma la Coppa va meritatamente in Germania.