29/05/2017

Un concreto Cruzeiro ipoteca la finale

giugno 25, 2009 di  
Inserito in Copa Libertadores 2010

wagner1

Wagner festeggia il secondo dei tre gol

Belo Horizonte– Spettacolo, intensità e gol. C’è davvero tutto il meglio del calcio nella prima gara d’andata delle semifinali di copa Libertadores. Un derby tutto carioca che vede il Cruzeiro ipotecare la quarta finale della sua storia con un rassicurante 3-1. Il (meritato) gol di Souza mantiene però vive le speranze del Gremio, chiamato sì ad un’impresa, ma non impossibile, tra sette giorni a Porto Alegre. Quel che è certo è che ci sarà (ancora) da divertirsi.
guarda il video del match sul nostro profilo di Facebook cliccando QUI

Intensità– Il Cruzeiro si presenta al secondo derby consecutivo del suo cammino (ai quarti ha fatto fuori il San Paolo) privo del centrale Léo Fortunato e soprattutto dello stantuffo Gerson Magrão. Il Gremio, finora imbattuto, è invece al gran completo. Entrambe le formazioni, a caccia del terzo alloro continentale, battagliano sin dal 1′. La prima chanche è per gli uomini di Batista: Wellington Paulista difende un bel pallone a centro area e scarica per Jonathan, ma la sua conclusione è troppo debole. Rispondono subito gli ospiti, che pungono sovente di rimessa. Alex Mineiro indirizza troppo debolmente di testa per la facile risposta di Fabio, ma la vera chanche arriva al 21′. L’attivissimo Maxi Lopez ruba il pallone sulla tre quarti, s’invola verso Fabio e piazza il piattone: tutto da manuale, ma la sfera si stampa sul palo ed esce.

Cruzeiro capitalizza– E’ il campanello d’allarme che sveglia ulteriormente la Raposa. Ci pensa Kleber sulla destra, sfornando cross su cross dalla destra, a suonar la carica. Dopo due tentativi salvati da Marcelo Grohe, è proprio da un suo suggerimento che arriva l’inzuccata vincente di Wellington Paulista: 1-0 Cruzeiro al 37′. Il Gremio non si abbatte e reagisce prima del riposo con una bordata terrificante di Souza; Fabio si distende in angolo. L’inizio di ripresa, però, è incubo per la band Autuori. Nemmeno il tempo di ripresentarsi in campo che il Cruzeiro raddoppia: una deviazione di Tcheco su botta da fuori di Wagner beffa Marcelo Grohe e fa esplodere il “Mineirao”.

Tris, poi Souza riaccende la fiammella– Ancora una volta i gauchos hanno il merito di non abbattersi. La pressione aumenta con l’ingresso di Herrera, ma Alex Mineiro è poco incisivo (conclusione debole al 12′) e Maxi Lopez si fa anticipare al momento della battuta rete. Il Cruzeiro, invece, è implacabile. Al 21′, su calcio da fermo dalla sinistra, la difesa si dimentica totalmente di Fabinho, che infila di testa, per la terza volta, l’incolpevole Marcelo Grohe. La Raposa vede la finale, il Tricolor l’eliminazione dopo un cammino pressochè perfetto. Ma entrambi non hanno fatto i conti col solito Souza che disegna una punizione capolavoro al 34′ ridando un pò di speranza ai suoi. Perlomeno il return match avrà un senso, soprattutto se gli attaccanti gremisti saranno più precisi.