30/04/2017

Spagna sconfitta per troppa supponenza?

giugno 25, 2009 di  
Inserito in Calcio Estero, Confederations Cup

casillas-ko

Casillas a terra, immagine di una Spagna ko dopo 35 match

Roma – La sconfitta della Spagna di ieri contro gli Stati Uniti in Confederations Cup ha sorpreso tutti quelli che già si aspettavano la supersfida con il Brasile in finale. La Spagna di ieri è parsa lenta e prevedibile contro una squadra ben disposta in campo che ha fatto dell’aggressività e del contropiede le sue armi. La domanda che viene spontanea a valle di questa disfatta spagnola è la seguente: la Spagna dei record non ha perso anche per troppa supponenza?

Opinione- La risposta personale è SI’. Sappiamo tutti benissimo come i giornali spagnoli abbiano sempre incensato le gesta dei propri atleti e soprattutto della propria nazionale di calcio. Spesso i media iberici si sono focalizzati su un confronto tra calcio nazionale e calcio estero beatificando spesso loro stessi e prendendo in giro altri (vedi calcio italiano). Francamente non ricordo che in Spagna abbiano mai detto di apprendere qualcosa da noi o a da chiunque altro nonostante per 80 anni non abbiano vinto niente. In Italia spesso si è parlato di modello spagnolo sul piano del gioco e si critica spesso i propri colori, lì la cosa è rara come la neve nel deserto…

Conclusione- La mia conclusione è che tutte queste pressioni e tutta questa campagna propagandistica che la squadra di calcio ha avuto, soprattutto dopo i successi dell’Europeo e del Barcellona, abbia fatto sì che i giocatori spagnoli si siano sentiti superiori e abbiano “sottovalutato” l’impegno con gli Usa pagando a caro prezzo questo tipo di atteggiamento. Per cui, oltre a NOI, anche LORO una bella lezioncina dalla Confederations Cup credo proprio se la porteranno. Magari Marca o As, invece di impicciarsi degli affari degli altri, focalizzeranno l’attenzione sui loro problemi.

A voi i commenti