30/03/2017

Corinthians, mani sulla coppa del Brasile. Ronaldo ancora decisivo

ronaldo-corinthians

Ronaldo colpisce ancora

San Paolo– Era a secco da 5 partite, un pò sovrappeso e fuori forma. Ma il Fenomeno è pur sempre il Fenomeno, e quando la posta in palio è alta la sua griffe è immancabile. Dopo aver condotto il Corinthians al successo nel paulista con 8 reti in 12 apparizioni, Ronaldo piazza la zampata anche nella finale di coppa del Brasile. Un lampo che vale il pesantissimo 2-0 nel match d’andata casalingo contro l’Internacional, una vera e propria ipoteca sul secondo titolo stagionale. E sulla qualificazione alla prossima Libertadores. Il Fenomeno non tradisce mai.
guarda i gol del Corinthians su YouTube

Vantaggio Timao– Al Pacembeù si affrontano due tra le squadre più forti del panorama brasiliano: il Corinthians e l’Internacional, a caccia rispettivamente del terzo e secondo successo in questa competizione. Il Timao, sospinto dal suo pubblico, parte forte, mentre gli ospiti, dovendo far a meno di tutto il suo super tridente (Nilmar e Kleber impegnati nella Confederations e D’Alessandro infortunato), si chiudono per ripartire poi in contropiede. Il match si sblocca al 26′. Sull’irresistibile incursione a sinistra di Marcelo, la difesa del Colorado si dimentica completamente di Jorge Henrique a centro area, che ha gioco facile nel siglare di piattone il vantaggio per i padroni di casa. Al 41′, invece, si vede Ronaldo. Il Fenomeno colpisce di prima intenzione su assist di Dentinho ma trova sulla sua strada un super Lauro.

Il guizzo del Fenomeno– Ad inizio ripresa, però, l’ex Inter e Milan si rifà con gli interessi. Su un lancio in profondità, supera in velocità il suo marcatore, lo evita rientrando sul sinistro e infila Lauro sul primo palo. Insomma, c’è tutto il suo repertorio nel pesantissimo terzo centro in coppa nonchè 14° stagionale. Il raddoppio è una mazzata tremenda per il Nal, che stenta a riprendersi. Il sussulto arriva soltanto al 75′, ma Felipe è strepitoso sul capocannoniere del torneo Taison. Due minuti dopo l’espulsione di Leandro spegne ogni velleità della formazione di Tite, a cui servirà un’impresa nella gara di ritorno. A Ronaldo e compagni, infatti, basterà perdere con un gol di scarto per alzare il secondo trofeo di questa trionfale stagione.