25/03/2017

Play-off: colpo Grosseto, crolla il Livorno. Buon pari per il Brescia

giugno 7, 2009 di  
Inserito in Brescia, Empoli, Livorno, Serie B

grosseto

Freddi e il Grosseto esultano

Roma– Crollo verticale ed inaspettato del Livorno nell’andata delle semifinali di play-off di serie B. Gli amaranto, grandi favoriti per il salto in A, affondano nel derby toscano di Grosseto (2-0) complicandosi notevolmente la vita in vista del ritorno, dove saranno chiamati ad una grande prestazione per centrare l’accesso alla finale. Tutto rinviato al retour match, previsto giovedì, per l’altra sfida tra Empoli e Brescia, anche se il pareggio favorisce i lombardi che in casa avranno a disposizione due risultati su tre.
-vedi i gol dei play-off su Facebook cliccando QUI

Empoli-Brescia 1-1
Pari giusto al “Castellani”: nel primo tempo si vedono di più le rondinelle, nel secondo i toscani. La partenza è scoppiettante. Passano appena 5 minuti e i padroni di casa passano in vantaggio con Lodi che, ben assistito da un colpo di testa di Flachi, batte Arcari di sinistro. La band Cavasin reagisce subito e, dopo un paio di tentativi di Caracciolo e Mareco, impatta con un destro di controbalzo di Baronio (24′). Il Brescia continua a spingere fino alla ripresa, quando Cavasin smantella il tridente (fuori Caracciolo e Nassi per Dallamano e Tognozzi, Possanzini unica punta) permettendo ai toscani di affacciarsi più spesso in avanti. Vannucchi e Pozzi, però, non trovano il bersaglio grosso. Finisce 1-1, agli uomini di Cavasin basterà un pari sul campo amico per conquistare la finalissima.

Grosseto-Livorno 2-0
Continua la favola Grosseto. La band Gustinetti, dopo aver agguantato all’ultimo i play-off, stende a sorpresa il Livorno, terzo nella regular season e favorito di turno alla vigilia, ipotecando la finale. Il primo sussulto è dei maremmani con Mora, ma poi vengono fuori gli amaranto, forti di un maggior tasso tecnico. Volpe sfiora la traversa, Tavano va a segno ma è in posizione di off-side. Nella ripresa i padroni di casa capiscono di poter far il colpaccio e attaccano con più convinzione. Cordova spedisce una punizione vicinissima al palo, Pilchmann ci prova dalla media distanza. E’ il preludio alla doppia mazzata maremmana. L’uno-due arriva in fotocopia su azioni da corner, entrambi battuti da Cordova: prima Freddi (68′), poi Abruzzese sbucano dalle retrovie e battono De Lucia. La formazione di Ruotolo reagisce con rabbia ma scarsa lucidità, fallendo anche i passaggi più facili. Alla fine è soltanto festa per i tifosi accorsi allo “Zecchin” che ora sognano la finale: al “Picchi” sarà sufficiente limitare i danni, mentre il Livorno dovrà ritrovare sè stesso per raddrizzare la situazione.