20/09/2017

Internacional, è già fuga? Adriano, ritorno con gol

adriano-flamengo1

Debutto con gol per Adriano

Brasilia– Sono appena quattro le giornate disputate nel Brasileirao ma sorge già spontanea una domanda: l’Internacional è in fuga? Il Colorado sconfigge il neopromosso Avaì (2-1), infila il quarto successo in quattro  gare e rimane a punteggio pieno, mantenendo tre lunghezze di margine sul Vitoria. Alle sue spalle, però, iniziano a farsi spazio le pretendenti: il Santos, che vendica il ko nella finale del Paulistao battendo 3-1 il Corinthians; il San Paolo che rifila un sonoro tris al Cruzeiro nel remake della sfida di Libertadores, e il Flamengo di Adriano, subito a segno nel suo acclamatissimo debutto.

Inter in fuga?– Con le riserve o con i titolari, al caldo torrido o nella massima frescura che il clima brasiliano può offrire, per l’Internacional non fa alcuna differenza. Anche l’Avaì si arrende alla legge della capolista, ancora a punteggio pieno dopo quattro turni e in serie positiva da 24 partite. Di Talles Cunha e Alecsandro le reti che sanciscono il 2-1 sulla compagine di Silas. Rimangono così le tre lunghezze di vantaggio sul Vitoria. I baiani vincono in pienissima zona Cesarini con un ‘golazo’ di Leandro Domingues: la perla del centrocampista piega al 92′ la lodevole resistenza di un Gremio affaticato dall’impegno di Libertadores e ridotto in nove per le espulsioni di Jonas e Leo. Ma ritenere la formazione di Carpegiani realmente in lotta per il titolo pare cosa ardua.

Clasicos e grandi ritorni– 13 mesi. Tanto è durata l’imbattibilità del Corinthians contro il Santos. Al Vila Belmiro il Peixe ha spezzato questo tabù con un netto 3-1 propiziato dal tandem di centrocampo Paulo Henrique (doppietta)- Madson, portandosi al terzo posto a -4 dalla vetta. Un segnale forte alla concorrenza sette giorni dopo aver sbancato il Maracanà: anche il Peixe vorrà dir la sua per il titolo. Idem dicasi per San Paolo e Flamengo, lanciati in orbita dai rispettivi bomber. Quello del Tricolor era al ritorno dai box dopo un lungo infortunio, quello rubronegro da una lunga esperienza italiana, nella fattispecie interista. Parliamo di Borges e Adriano: il primo, insieme a Washington e Dagoberto, spezza le reni al Cruzeiro (3-0), vendicando il ko nell’andata dei quarti di Libertadores di pochi giorni prima e regalando ai suoi il primo hurrà in campionato; l’ex interista debutta con il gol decisivo all’Atletico PR davanti a 72mila aficionados accorsi in gran parte per assistere alla sua ‘prima’  otto anni dopo il suo addio. Ma l’Imperatore, nonostante il sorriso ritrovato ed una tifoseria che lo ha già eletto a beniamino numero uno, non si è voluto smentire, non presentandosi all’allenamento odierno.

Le altre– Deludono ancora Palmeiras e Fluminense. Il Verdao conferma i suoi limiti mentali: va sul 2-0 contro il Barueri con Obina e Keirrison, ma si fa rimontare da una doppietta di Pedrao. Anche Flu si fa acciuffare ingenuamente: corre il minuto 94′ quando il Nautico trova il pari, conservando così la propria imbattibilità e salendo a quota 8. Stessi punti raccolti dall’Atletico Mineiro, reduce dallo 0-0 con il Santo Andrè. Prima vittoria, invece, per il Goias, corsaro sul campo del Coritiba, rimasto in fondo al gruppo insieme all’Atletico PR. Restano ancora a secco di successi Sport e Botafogo, reduci da un bello quanto infruttuoso (per la loro classifica) 2-2 nel faccia a faccia dell’Engenhão.