19/09/2017

SPECIALE CHAMPIONS – Barcellona vs Manchester: Il cammino

maggio 27, 2009 di  
Inserito in Champions League

Roma 2009

Manchester e Barcellona per la storia
copyright flickr.com

Roma – E’ ormai arrivato il grande giorno, quello della finale di Champions League 2008/2009. Nella sfida di Roma si affrontano Manchester United e Barcellona dopo un cammino lungo quasi 9 mesi. Si confrontano due compagini che primeggiano in due fattori tanto diversi ma , nello stesso tempo, importanti ossia difesa e attacco. I Red Devils vantano , infatti, la miglior difesa della competizione con 6 goals subiti mentre il Barcellona il miglior attacco 30 goals realizzati. Dati alla mano miglior finale non ci poteva essere…Andiamo all’analisi del cammino delle due compagini:

-guarda il video del cammino di Barcellona e Manchester United su Facebook cliccando QUI

Gironi eliminatori: Nei gironi di qualificazione Barcellona e Manchester hanno un cammino abbastanza simile caratterizzato da vittorie altisonanti e da pareggi inattesi. La squadra di Guardiola ha nel suo raggruppamento Sporting Lisbona, Shaktar e Basilea. Lo United : Villareal , Aab e Celtic Glasgow. Già da queste partite emerge quello che è la forza di queste squadre: il Manchester concreto e letale con la sua organizzazione atta ad esaltare le giocate del trio offensivo Tevez-Ronaldo e Rooney e il Barcellona con il suo possesso di palla incanta le platee con Messi-Henry ed Eto’o. Gli uomini di Guardiola , in particolare, impressionano per le capacità di realizzazione ben 18 goal realizzati con Messi a recitare il ruolo di top scorer con 6 reti e assist-man. Entrambe concludono i rispettitivi gironi al primo posto passando alla fase ad eliminazione diretta.

cristiano_ronaldo
Cristiano Ronaldo
copyright flickr.com

Ottavi-Quarti: Negli Ottavi di Finale, le due squadre debbono vedersela con le due primatiste dei campionati di Francia e Italia. Al Barça tocca il Lione e al Manchester United l’Inter di Mourinho. Nelle due sfida emerge una superiorità netta delle due finaliste di Roma nei confronti di un Inter troppo poco incisiva offensivamente e un Lione ,di contro, troppo svagato difensivamente. Lo United , dopo il pareggio di San Siro sullo 0-0 , vince all’Old Trafford 2-0 grazie a Vidic e Ronaldo che già da questa partita fa valere il suo “peso specifico”. Il Barcellona dopo l’1-1 di Lione asfalta letteralmente i rivali francesi per 5-2 con il trio delle meraviglie Messi-Eto’o-Henry a fare la voce grossa. Ai Quarti il cammino delle due squadre è completamente diverso. Il Barça ipoteca la qualificazione ai danni del Bayern Monaco già dall’andata vincendo la partita per 4-0 con doppietta di Messi. Qualificazione poi “ufficializzata” con l’1-1 di Monaco nel ritorno con Ribery a siglare il goal dell’onore tedesco. Lo United ,invece, soffre moltissimo contro il Porto e pareggia in casa per 2-2. Sembra la fine per gli uomini di Ferguson ma , nel ritorno, arriva Cristiano Ronaldo e grazie ad un goal da quasi 40 metri porta il Manchester in semifinale.

Le semifinali: In semifinale l’andamento delle due squadre è opposto rispetto ai quarti. La squadra di Guardiola non si mostra al meglio di sè contro il Chelsea di Hiddink. Dopo lo 0-0 del Camp Nou , infatti , il Chelsea, sotto il piano del gioco e della corsa, mette in grossa difficoltà i catalani e il goal di Essien mette le ali ai piedi del blues. Ma , nel momento in cui sembra tutto finito, arriva il goal di Iniesta all’ultimo secondo che dà la qualificazione al Barcellona in maniera del tutto inaspettata. Partita, c’è da dirlo, condizionata da episodi arbitrali molto discutibili. Il Manchester, come dicevamo, ha un percorso completamento diverso contro l’Arsenal. Gli uomini di Ferguson sovrastano sotto ogni aspetto i Gunners e, dopo la vittoria all’Old Trafford firmata da O’shea, arriva il 3-1 di Londra con doppietta di Ronaldo a corollario di una partita dominata.

Conclusioni: Le conclusioni sono che si affrontano due squadre che praticano un grande calcio e che , grazie ai due fenomeni Ronaldo-Messi, sanno mostrare concretezza e creatività con estrema facilità. Godiamoci lo spettacolo e che vinca il migliore.