28/06/2017

Valzer play-out, si decide tutto in 90′. Livorno, salta Acori

maggio 24, 2009 di  
Inserito in Serie B

acori_livorno

Capolinea per Acori a Livorno
copyright flickr.com

Nella penultima giornata di Serie B, sono tantissimi i colpi di scena, più o meno piacevoli. Tra i più piacevoli ci sono sicuramente Empoli e Brescia che accedono matematicamente ai play off e le vittorie di Modena, Salernitana e Frosinone, con le prime due che riaccendono una luce salvezza quasi insperata e con i ciociari salvi matematicamente. Tra i momenti non piacevoli della giornata odierna c’è l’esonero di Acori da parte del vulcanico Spinelli, che dopo aver espresso ad inizio campionato l’idea di voler tornare in A in due stagioni, non ha digerito il lungo digiuno di partite senza vittorie sebbene il terzo posto fosse quasi assicurato. Più grave dell’esonero di Acori è la morte di un tifoso vicentino, a cui vanno alla famiglia le nostre condoglianze: durante il match un ragazzo di 19 anni di fede biancorossa si è sporto fino a cadere diversi metri. La partita è stata interrotta per ben due volte e nella notte dopo essere stato in coma ed aver subito un operazione il triste epilogo di una vita che si spegne.

Ancona – Grosseto 1-1
Ospiti in vantaggio al 18° con Cordova direttamente su punizione da 40 metri, nell’angolino dove Da Costa non può arrivare. Marchigiani che trovano la rete del pareggio su deviazione di Federici al 62°. Padroni di casa che si buttano in avanti senza riuscire a portarsi in vantaggio con Da Costa che deve compiere autentici miracoli per salvare il risultato su Pichlmann lanciato a rete e poi sulla punizione di Cordova prima e sulla conclusione ravvicinata di Abruzzese.

Brescia – Sassuolo 4-2
Esce vittorioso il Brescia tra le mure amiche nello scontro che consegna i playoff ai lomboardi. Apre le danze Baronio direttamente dal dischetto di rigore (18°). Masucci ristabilisce la parità al 28° quando riceve una palla deviata su tiro di Zampagna e dopo la prima respinta da parte di Arcari, beffa l’estremo difensore con un tiro che gli passa sotto le gambe. Goal meraviglioso di Taddei al 44° che porta in vantaggio le rondinelle: dopo un gran tiro di Nassi, l’attaccante segna di tacco un gran goal proprio allo scadere del primo tempo. Al 70° gli uomini di Sonetti sembrano mettere la partita in ghiaccio quando Zoboli impatta di testa un bel pallone direttamente da calcio d’angolo. Partita che però si riapre a 10′ dalla fine quando il solito Noselli (8 goal nelle ultime 7 partite) piazza il 3 a 2. Gli uomini di Mandorlini si buttano in avanti cercando il pareggio ma subiscono il definitivo 4 a 2 allo scadere con Possanzini su azione di contropiede.

flachi-empoli

L’Empoli di Flachi vola ai play-off
copyright flickr.com

Empoli – Triestina 4-0
Due goal per tempo per l’Empoli che stacca il biglietto play off con un secco 4 a 0 contro la Triestina. Apre le marcature Gianluca Musacci che, su assist di Pozzi, supera il portiere avversario con un pallonetto per il vantaggio toscano (17°). Incrementa Nicola Pozzi su suggerimento di Francesco Flachi allo scadere dei primi 45′ superando Agazzi. Ripresa che vede la gioia di Flachi su assist di Moro (61°) chiudendo il match. Arriva infine il poker targato Saudati all’80° con un gran sinistro dal limite.

Frosinone – Cittadella 1-0
Si complica la situazione del Cittadella, battuto nello scontro diretto contro il Frosinone. A decidere le sorti dell’incontro e a regalare la salvezza ai ciociari è stato il goal di Guidi a 9′ dal termine del match sugli sviluppi di un calcio di punizione.

Livorno – Albinoleffe 0-1
Ennesima sconfitta per Acori, che esaurisce così i suoi “bonus” e viene esonerato da uno Spinelli che da qualche settimana teneva il fiato sul collo dell’allenatore toscano. A decidere il match e il destino del tecnico è stato Perico che al 78° con un tocco preciso ha spiazzato l’estremo difensore livornese Mazzoni.

Modena – Avellino 2-1
Era quasi riuscito l’Avellino ad uscire da Modena con un punto prezioso sebbene giocasse in 9 uomini dal 77°. Un grande Bruno porta in vantaggio i canarini al 32°, che si vedono raggiungere a 10′ dalla fine da Koman dopo le espulsioni su sponda irpina di Gazzola (51°) e Pecorari (77°) entrambi per doppio giallo. Esplode però il Braglia quando Troiano all’86° infila il portiere irpino per una vittoria che è anche l’ultima chance di salvarsi per gli emiliani.

Parma – Vicenza 4-0
Partita celebrativa per il Parma al Tardini, contro un Vicenza salvo e senza possibilità di arrivare in zona play off. Gara che non ha storia già dopo 30′ quando prima Paloschi (12°) e poi Lunardini (26°) fissano il risultato sul 2 a 0. Ci pensa poi Bjelanovic ad incrementare per gli emiliani, svirgolando un corner di Leon ed insaccando nella propria porta. Al 48° ancora un incontenibile Paloschi gira bene e batte un Frison non impeccabile nella presa per il definitivo 4 a 0. Da segnalare il triste epilogo del tifoso vicentino, caduto dal settore ospiti e portato via d’urgenza e poi deceduto nella notte, per il quale tutto lo stadio ed i giocatori avevano chiesto la sospensione della partita per la gravità del fatto.

Piacenza – Mantova 1-2
Il Mantova è ad un punto dalla salvezza da acquisire a Salerno il prossimo sabato. I virgiliani passano al 35′ con Godeas: l’attaccante biancorosso riceve un assist da Corona e batte il portiere Maurantonio. Nella ripresa al 19′ il raddoppio: la punizione di D’Aversa è una pennellata per Corona che di testa insacca e segna così il 10° goal stagionale. Accorciano i padroni di casa con il primo goal stagionale di Siligardi al 74′ (gran sinistro su assist di Volpato) per l’1 a 2 finale.

Rimini – Pisa 1-1
Pareggio beffa per il Rimini contro una diretta avversaria per la salvezza. Gli uomini di Carboni dopo aver fallito un rigore (il terzo consecutivo) con capitan Ricchiuti per fallo netto su Docente, passano grazie alla prima gioia stagionale di Andrea Sottil abile a girare dentro l’area di rigore da perfetto centravanti all’83°. I romagnoli vengono raggiunti al 92° da Genevier che non sbaglia il penalty concesso a favore degli ospiti, mantenendo vive le possibilità del Pisa di salvarsi.

Salernitana – Bari 3-2
Vittoria con 5 goal quella tra Salernitana e Bari. Bari largamente rimaneggiato dai tanti primavera in campo e tifoserie mischiate tra di loro a causa del gemellaggio tra le due tifoserie. Apre le marcature Barreto dopo appena 4′ insaccando da distanza ravvicinata. Il pareggio della Salernitana arriva con Ganci, forse l’uomo più in forma in questo momento degli uomini di Brini al 25°. Vantaggio dei padroni di casa che si concretizza al 67° con Scarpa, con Di Napoli in fuorigioco passivo, che fà letteralmente esplodere lo stadio Arechi. Il 3 a 1 arriva ad opera di Arturo di Napoli che al 74° lascia partire un sinistro decisamente non irresistibile con però il portiere pugliese un po’ “addormentato”. Ranocchia infine accorcia le distanza di testa all’82°.

Treviso – Ascoli 1-1
Pareggio tra due squadre che non hanno più nulla da chiedere da questo campionato per motivazioni diametralmente opposte. Il match si sblocca dopo appena 4′ quando Cani serve Belingheri che insacca facilmente. Pareggio trevigiano allo scadere del primo tempo con Musetti abile ad inserirsi coi tempi giusti e battere il portiere avversario con un tocco preciso.