24/06/2017

Bundesliga: Ammucchiata in vetta…e in coda

maggio 12, 2009 di  
Inserito in Bundesliga

mario-gomez

Super poker per Marione Gomez, Wolfsburg al tappeto
copyright flickr.com

BERLINO- Dopo 31 giornate la Bundesliga 2008/09 è ancora tutta da scrivere. A tre turni dal termine, infatti, ci sono ben sei squadre in cinque punti, addirittura le prime quattro distanziate soltanto da due miseri punticini. Ci si prepara dunque all’ammucchiata finale, con l’infrasettimanale che si giocherà tra oggi e domani a dare, forse, le prime indicazioni su chi lotterà fino alla fine e chi si mangerà le mani per l’occasione sprecata. Si, perchè tra le squadre in lizza per lo Schale, solo il Bayern Monaco (la cui stagione può già tranquillamente dirsi negativa) è abituata a primeggiare. Per le altre (Wolfsburg, Hertha, Stoccarda, Amburgo e la rientrante Borussia Dortmund) si tratta davvero dell’occasione della vita. Anche in coda i giochi sono apertissimi: se il Karlsrhue è ad un passo dalla retrocessione, per gli altri due posti da evitare sono in lizza ben quattro squadre divise da un punticino soltanto.

In testa- Il match clou della giornata si giocava a Stoccarda, dove gli svevi affrontavano la capolista Wolfsburg. Risultato? 4-1 per gli uomini di Babbel guidati dal ritrovato Marione Gomez, autore di tutte e quattro le reti, ed ora in vetta in classifica marcatori con 23 gol insieme a Grafite. Prova di forza quasi imbarazzante, ma che conferma l’equilibrio di questa pazza Bundesliga. Di Dzeko il gol della bandiera ospite. Ad approfittare del passo falso di Barzagli e soci ci pensa il Bayern corsaro a Cottbus ed ora primo in coabitazione. Sosa, Demichelis e Podoski danno un sorriso ad Heynckes, di Iliev (meteora a Messina) la rete del momentaneo pareggio dell’Energie. Resta in corsa anche l’Hertha Berlino, che batte 2-0 il pericolante Bochum. Un gol per tempo, marcatori il solito Pantelic e  Rafael. Chi invece sembra perdere il treno è l’Amburgo. La Jol band nel giro di tre giorni riesce a perdere in casa il pass per la finale di Coppa UEFA e probabilmente il treno scudetto. Dalle stelle alle stalle… Il sicario delle speranze anseatiche? Sempre gli stessi: gli odiatissimi cugini del Werder Brema, capaci di vincere giovedì sera all’AOL Arena 2-3 e in casa domenica 2-0 (doppietta di Almeida). Gli uomini di Schaaf sono così riusciti a ribaltare4 nel finale una stagione davvero sciagurata. L’Amburgo ora rischia di restare fuori anche dai giochi europei, visto il prepotente ritorno del Borussia Dortmund. I gialloneri, alla settima vittoria di fila, non perdono addirittura dal 7 marzo in campionato e hanno gioco facile sul Karlsrhue ultimo della classe. 4-0 (Kuba, Sahin, Santana, Frei) e sogni di gloria ancora vivi. Chi l’avrebbe mai detto solo due mesi fa…

In coda- Detto delle sconfitte di Karlsrhue, Bochum ed Energie, resta da parlare della vittoria del Borussia Mönchengladbach al 90′ in casa contro lo Schalke 04 (mattatore Colautti) e del pareggio esterno dall’Arminia Bielefeld a Levekusen. In vantaggio le aspirine con Kiessling, gli ospiti erano riusciti a ribaltare il risultato già nel primo tempo, grazie ad un autogol di Friedrich e a Tesche. A dieci minuti dalla fine la doccia gelata arriva dal solito Helmes. Che dire, un punto guadagnato o due persi?…

Le altre- Chiudiamo con due gare dall’esito poco inflente per il campionato. Da una parte salutiamo con piacere il ritorno alla vittoria dell’Hoffenheim in casa contro il Colonia per 2-0, reti di Salihovic e Demba Ba, due dei protagonisti della brillantissima prima parte di stagione della matricola terribile, dall’altra registriamo il pareggio per 1-1 tra Hannover 96 ed Eintracht Francoforte (Bruggink e Korkmaz i marcatori).