28/04/2017

Serie B di fuoco: Parma ad un punto dalla A, in coda corrono tutte

maggio 10, 2009 di  
Inserito in Serie B

cristianolucarelli

Il Parma di Lucarelli vede la A
copyright flickr.com

E’ una Serie B che inizia a mettere alla luce i primi verdetti di stagione. Dopo la promozione matematica degli uomini di Antonio Conte grazie al successo della Triestina sul Livorno di Leonardo Acori, il Parma con il successo targato Leon – Lucarelli è ad un passo, anzi forse meglio dire un punto, dalla matematica certezza di tornare in Serie A, dopo un purgatorio di solo un anno. Il distacco dalla terza è infatti di nove punti a 3 giornate dal termine. In coda sembrano ormai destinati alla Lega Pro Avellino, che ha perso lo spareggio con la Salernitana, e Treviso. Dietro la classifica è veramente corta con ben 11 squadre in 5 punti a contendersi la permanenza in cadetteria.

Ancona – Sassuolo 2-1

E’ il Sassuolo che apre il match con un goal ormai del solito Noselli ad inizio ripresa; pescato sul filo del fuorigioco, il giocatore verde nero supera Da Costa con un preciso pallonetto (52°). La gioia degli ospiti dura però meno di 30′ dato che Surraco pareggia i conti per l’Ancona al 79° quando, ricevuto il pallone al limite dell’area, incrocia di sinistro e batte il portiere del Sassuolo. Dopo aver fallito un penalty dagli undici metri, il Sassuolo subisce anche il goal del sorpasso ad opera della “vipera” Mastronunzio che incastona la 16° perla stagionale a tempo ormai scaduto, incamerando 3 punti importantissimi.

Brescia – Cittadella 0-0

Pari a reti inviolate quello che è pervenuto al Rigamonti di Brescia. Il Cittadella si arrocca in difesa e ordinatamente respinge tutte le incursioni delle rondinelle che rimangono in dieci alla fine del secondo tempo per l’espulsione di Taddei per somma di ammonizioni.

Empoli – Ascoli 3-0

E’ super Pozzi a trascinare l’Empoli in piena zona playoff (e probabilmente a farglieli disputare), con 2 goal nei primi 20′ che chiudono subito la pratica Ascoli. Dopo appena 9′ il bomber dell’Empoli riceve un lancio preciso di Musacci, stoppa di petto e incrocia di destro, battendo il portiere ospite. Dieci giri di orologio (19°) e Pozzi si ripete, con un’azione di contropiede entra in area e batte Guarna con l’aiuto del palo interno arrivando così a quota 11 sigilli in campionato. Il tris finale arriva a metà ripresa con Corvia che riceve perfettamente di testa un corner di Tosto.

Frosinone – Albinoleffe 2-0

Brutta fermata d’arresto per gli uomini di Madonna che impattano contro un Frosinone che sta facendo del Matusa la sua tana di punti più preziosa. Passano i ciociari al 52° con Dedic, che non segnava dalla partita d’andata, inserendosi ottimamente dentro l’area e segnando il vantaggio dei padroni di casa. Il raddoppio al 90° con Elsneg.

catellani

Catellani-gol, il Modena crede nella salvezza
copyright flickr.com

Modena – Mantova 1-0

Il Modena passa anche contro il Mantova, che viene risucchiato nella lotta per non retrocedere e si candida come la squadra che ha fatto più punti nel girone di ritorno. Il goal partita è di Catellani, uno degli uomini in più in questo momento del Modena all’ 81° su cross di Pinardi è il più lesto di testa per la 4° vittoria in 5 partite.

Parma – Pisa 2-0

Ci vogliono 70′ al Parma per piegare la retroguardia pisana. E’ Lucarelli a rompere gli equilibri dopo aver sostituito un Vantaggiato che non riesce ad integrarsi a dovere nella formazione emiliana: palla filtrante di Leon e Lucarelli che dopo essersi visto ribattere la prima conclusione non fallisce la seconda. Da assist man Leon si trasforma all’85 in uomo goal quando pennella una punizione al bacio che il portiere pisano può solo guardare insaccarsi all’incrocio. Un punto separa il Parma dall’aritmetica promozione in Serie A.

Piacenza – Bari 2-2

Finisce con un pari la partita della neo promossa Bari. I pugliesi impiegano appena tre minuti per passare in vantaggio. Barreto si fà parare il tiro dall’estremo romagnolo, sul quale piazza il tap in vincente Colombo per il vantaggio degli uomini di Conte. Pareggio dei padroni di casa siglato da Graffiedi che prima si procura il penalty e poi lo realizza al 15°. Ripresa che vede i padroni di casa portarsi in vantaggio al 74° con Aspas Juncal che spara un bolide che Gillet fà in tempo solo a vedere, prima che si insacchi alle sue spalle. Partita che si infiamma e Bari che non ci sta a perdere e trova il goal del definitivo 2 a 2 con Galasso al 79° che si libera dentro l’area del proprio marcatore e spara all’incrocio di sinistro.

Rimini – Grosseto 2-0

La cura Carboni inizia a dare i suoi frutti e il Rimini non perde terreno per la lotta per la salvezza grazie a Pagano che fà ammattire la retroguardia toscana. Prima è bravissimo sul cross di Frara a tuffarsi di testa per il vantaggio romagnolo dopo 6′. Poi, dopo un palo e un goal annullato, è sempre lui a procurarsi un penalty fallito da Docente nella ripresa, prima del definitivo 2 a 0 all’83° con un bel tiro dal limite dell’area.

Salernitana – Avellino 1-0

Passa la Salernitana nel match salvezza all’Arechi di Salerno condannando quasi sicuramente l’Avellino alla Lega Pro. Il goal partita è di Ganci al 41° che di testa realizza la sua 3° marcatura stagionale su assist di Fatic dalla sinistra e regala tre punti fondamentali per far sperare ancora ai propri tifosi nella salvezza.