17/12/2017

Libertadores, al via gli ottavi. Dominio brasiliano, ecatombe di argentine

maggio 6, 2009 di  
Inserito in Copa Libertadores 2010

gremio2

Il Gremio è stata la miglior squadra della prima fase
copyright flickr.com

Con il derby carioca Palmeiras- Sport (finito 1-0 per i locali) sono ufficialmente scattati la scorsa notte gli ottavi di finale di copa Libertadores. La più prestigiosa competizione sudamericana entra nel vivo con una certezza: i campioni in carica della LDU Quito, eliminati nella fase a gironi, non potranno difendere il loro scettro. Sarà una Libertadores a forti tinte verdeoro: le compagini brasiliane sono passate in blocco, sancendo un netto predominio. Malissimo, invece, le argentine, che hanno deluso oltremodo, perdendo per strada già tre rappresentanti. Per il resto, il panorama è variegato, con la presenza di squadre da Messico, Uruguay, Paraguay, Cile, Perù, Venezuela ed Ecuador.

Marea carioca- Gremio, San Paolo, Cruzeiro, Palmeiras e Sport: il Brasile avanza a pieno regime con le sue cinque rappresentanti. Le formazioni carioca hanno dominato la fase a gironi: il Tricolor gremista ha ottenuto il maggior numero di punti (16) rimanendo imbattuto, i campioni nazionali del San Paolo e la Raposa hanno fatto leggermente peggio (13 pt), ma hanno comunque vinto il proprio gruppo. Sport e Palmeiras, invece, sono uscite indenni dal gruppo di ferro, estromettendo il temibile Colo Colo e i campioni uscenti della LDU Quito, e per uno strano scherzo del destino si sono ritrovate di fronte negli ottavi. Insomma, delle cinque ha tremato soltanto la band Luxemburgo, partita con due pesanti ko ma capace di strappare il pass all’ultima giornata in quel di Santiago del Cile grazie al baby prodigio Keirrison (6 centri sinora).

Disastro albiceleste– Se in Brasile ridono, in Argentina piangono. Da sempre inserite nel lotto delle favorite, le big del calcio albiceleste stavolta deludono. Soltanto il Boca e l’Estudiantes la Plata passano il turno, mentre il plurititolato River Plate, i vicecampioni nazionali del San Lorenzo e il Lanus di Zubeldia si sono arrese quasi senza combattere, finendo fuori dai giochi con un turno d’anticipo. Al loro posto sorridono Messico e Uruguay. Entrambe portano due squadre alla fase eliminatoria: il Nacional vince in carrozza il suo girone, mentre il Defensor Sporting estromette all’ultimo l’Independiente de Medellin con un agonico 4-3; sofferta la qualificazione delle due centroamericane, con il San Luis dentro grazie al vantaggio degli scontri diretti e il Chivas qualificato insieme al Caracas (primo team venezuelano nella storia ad aver vinto un girone di Libertadores) a scapito delle più quotate Everton e Lanus. Il Deportivo Cuenca, invece, salva l’onore ecuadoriano dopo la prematura eliminazione dei campioni in carica della LDU Quito. Per il Paraguay rimane in gioco il Libertad, l’Universidad San Martín è l’unica peruviana così come l’Universidad de Chile -arrivato dal preliminare- tiene alta la bandiera del paese andino.

Gli incroci– Il pronostico pende dunque tutto dalle parti delle formazioni carioca. Derby a parte, l’impegno più probante tocca al San Paolo alle prese con i coriacei messicani del Chivas, pericolosi soprattutto in casa. Gremio e Cruzeiro non possono fallire contro le due Universidad, quella peruviana e quella cilena. Disastrosi in campionato, gli xeneizes del Boca son chiamati ad un grande cammino in coppa: contro il Defensor non ci saranno scuse. Più dura per l’Estudiantes contro il Libertad, già matador due volte dei connazionali del San Lorenzo; pronostico favorevole per il Nacional del capocannoniere Nunez (6 reti come Keirrison del Palmeiras) contro il San Luis. Infine, tutta da seguire la sfida tra le due sorprese della prima fase, Caracas e Deportivo Cuenca, quest’ultimi capaci di battere il Boca dopo esser giunti dal turno preliminare.

-guarda risultati copa Libertadores e ottavi copa Libertadores