23/07/2017

Festa rinviata per i 50 mila al San Nicola, Bari fermato sul pari

maggio 5, 2009 di  
Inserito in Bari, Empoli, Serie B

conte

Festa rinviata per il Bari di Conte
copyright flickr.com

Bari-Tutto rinviato per gli oltre 50 mila spettatori sopraggiunti al San Nicola di Bari per una partita che se fosse stata vinta avrebbe sancito la promozione in serie A con addirittura un mese d’anticipo. Gli uomini di Conte raggiungono un pareggio a reti bianche contro una squadra di tutto onore come l’Empoli che, sebbene piena di defezioni causata da infortuni, riesce a tenere testa agli uomini di casa.

Gioia strozzata in golaBaldini ha scelte obbligate in attacco e si affida a Pozzi e Flachi, mentre Conte dà piena fiducia a Barreto e Kutuzov che hanno un ottimo feeling. Passano 5′ e il primo pericolo arriva da Kamata che dopo essere scappato sulla fascia fà partire un tiro cross sul quale è attento Bassi. Al 13′ è ancora Bari, questa volta con Barreto, uno dei marcatori più attivi in quest’ultima parte di campionato di Serie B, che esplode un destro sul quale è bravo Bassi a farsi trovare pronto. L’Empoli non sta a guardare e al 21′ Gillet deve fare un miracolo per respingere il tiro dai 30 metri di Vinci sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Alla mezz’ora il match si infiamma quando prima Buscè al 31′ e poi Gazzi un minuto dopo fanno venire i brividi ai rispettivi tifosi avversari. Il primo con una conclusione di prima intenzione che sibila a lato di un soffio. Il secondo con un tiro da fuori area che sorvola la traversa di non molto dopo un’azione insistita di Kamata. A pochi minuti dal termine contropiede del Bari con Guberti che lancia Barreto in profondità; il bomber salta Bassi e deposita in rete. La gioia del brasiliano si scontra con la decisione del guardalinee di sbandierare un fuorigioco che la moviola smentisce. Su questa svista arbitrale le squadre rientrano negli spogliatoi.

Festa rinviata– La ripresa vede un Empoli iniziare bene e posizionarsi nella metà campo avversaria. Dopo un contropiede fallito da parte degli uomini di Baldini al 52′, al 58′ Valdifiori impegna Gillet dalla distanza, guadagnando un calcio d’angolo sulla deviazione del portiere. Dopo qualche conclusione dalla distanza per le due squadre è Flachi ad avere la possibilità di portare in vantaggio gli ospiti quando al 69′ raccoglie al volo un cross di Valdifiori che spedisce a lato non di molto dopo un’ottima coordinazione. Altro episodio dubbio a 10′ dal termine quando Lanzafame viene steso in area di rigore per fallo commesso da Marzoratti, ma l’arbitro è irreprensibile e fà giocare. A 2′ dal termine l’occasione più grande del match: Donda, cresciuto nei minuti finali, mette in mezzo per Ranocchia che impatta di testa; provvidenziale il salvataggio sulla linea di Marzoratti. Per quello che hanno fatto vedere in campo le due squadre il pareggio è giusto, anche se le decisioni arbitrali hanno lasciato un po’ storcere il naso ad Antonio Conte e compagni. Tutto rinviato quindi a Piacenza per un match che significherà quasi sicuramente la Serie A dopo ben 8 anni.