23/10/2017

Bivio Scudetto: Inter a San Siro contro la Lazio, Milan all’esame Catania

milan-inter

Inter-Milan, derby a distanza
copyright flickr.com

ROMA – La 34esima giornata di Serie A sarà all’insegna del confronto a distanza tra Inter e Milan. La squadra di Mourinho dovrà affrontare il bivio scudetto a San Siro contro la Lazio di Delio Rossi squadra che, per caratteristiche in fase offensiva,  può mettere in difficoltà chiunque. Il Milan va invece in quel di Catania cercando di rendere ancora più trilling il finale di campionato e sperando in nuovo passo falso dei neroazzurri. Il resto della giornata propone un JuventusLecce che la corte di appello ha deciso di riaprire alle tifoserie dopo i famosi fatti di Juve-Inter , il derby della lanterna tra GenoaSampdoria, lo scontro diretto per la salvezza tra Bologna-Reggina e poi  FiorentinaTorino, Palermo-Cagliari, RomaChievo, Udinese-Atalanta.

Bologna: Papadopulo per lo scontro salvezza contro la Reggina recupera buona parte dei suoi uomini ossia: Belleri, Adailton, Mingazzini e Antonioli. Il tecnico rossoblu , visti i risultati dell’ultima giornata, pare intenzionato a confermare il 4-4-1-1 con l’unica sorpresa rappresentata dalla conferma tra i pali  di Colombo nonostante il pieno recupero di Antonioli che sedierà in panchina. L’undici bolognese dovrebbe essere quindi: Colombo-Zenoni-Terzi-Moras-Belleri-Mutarelli-Mingazzini-Mudingayi-Valiani-Adailton-Di Vaio

Reggina: Orlandi per il confronto di Bologna ha ancora dei dubbi riguardanti la formazione: Vigiani dovrebbe prevalere du Adejo sulla fascia destra, mentre tra Barillà ed Halfredsson dovrebbe spuntarla il primo con l’islandese , a segno con la Juve, in panchina. La formazione amaranto dovrebbe essere: Puggioni-Lanzaro-Valdez-Santos-Vigiani-Barreto-Carmona-Halfredsson-Barillà-Brienza-Corradi.

Inter: Mourinho per la partita di San Siro , viste le assenze per squalifica di Balotelli e Stankovic, deve un pò reinventarsi il progetto tattico per questo match. L’idea che sembra prendere forma è quella di un 4-3-2-1 con Mancini e Figo ad agire alla spalle di Ibrahimovi unico riferimento avanzato in avanti. La formazione neroazzurra dovrebbe essere quindi: Julio Cesar-Santon-Cordoba-Samuel-Chivu-Zanetti-Cambiasso-Muntari-Figo-Mancini-Ibrahimovic

Lazio: Per la sfida di San Siro, Delio Rossi dovrà fare a meno di Pandev, Diakitè, Mauri e Cribari. Viste queste defezioni, il tecnico dovrebbe puntare , in difesa, sulla coppia centrale Rozenhal-Siviglia mentre a centrocampo recupera dai recenti problemi fisici Pasquale Foggia. La formazione laziale dovrebbe essere: Muslera-Lichtsteiner-Siviglia-Rozenhal-Kolarov-Brocchi-Ledesma-Matuzalem-Foggia-Zarate-Rocchi

Catania: Zenga , per cercare di bloccare la rincorsa scudetto del Milan, dovrebbe mettere in piedi uno schema tattico che prevede un 4-1-3-2  con Carboni davanti la difesa e Biagianti, Llama e Tedesco a giocare negli spazi dietro le due punte Martinez e Mascara. La formazione catanese quindi dovrebbe essere: Kosicky-Izco-Silvestre-Stovini-Capuano-Carboni-Biagianti-Llama-Tedesco-Martinez-Mascara

Milan: Ancelotti , per la sfida di Catania, dovrebbe adottare lo schema ad “albero di natale” con Inzaghi unica punta e Kakà e Seedorf ad agire alle sue spalle. Per il resto la formazione dovrebbe rimarcare quella vincente sul Palermo una settimana fa. La formazione rossonera dovrebbe essere quindi: Dida-Zambrotta-Maldini-Favalli-Jankulovski-Beckham-Pirlo-Ambrosini-Seedorf-Kakà-Inzaghi.

Fiorentina: La Fiorentina , per la sfida contro il Toro, si presenterà verosimilmente allo stesso identico modo con cui ha giocato con la Roma. Prandelli , infatti, dovrebbe riconfermare il 4-2-3-1 con Montalivo e Kuzmanovic ad agire come schermi davanti la difesa e Semioli-Jovetic-Vargas ad agire a trequarti di campo per sostenere Gilardino. La formazione viola dovrebbe essere quindi: Frey-Comotto-Dainelli-Gamberini-Pasqual-Kuzmanovic-Montolivo-Semioli-Jovetic-Vargas-Gilardino

Torino: Camolese, contro la Fiorentina, dovrebbe confermare il 3-5-2 che ultimamente ha dato buoni risultati ai granata per lo sprint finale in ottica salvezza. Si giocano il posto per una maglia di titolare Rosina e Stellone per affiancare Bianchi nel tandem offensivo. La formazione granata dovrebbe essere: Sereni-Rivalta-Natali-Franceschini-Colombo-Barone-Dzemaili-Saumel-Rubin-Rosina-Bianchi

Juventus: Solita emergenza a centrocampo per Ranieri verrebbe da dire…Il tecnico bianconero per lo scontro con il Lecce ha indisponibili: Sissoko, Salihanidzic, Marchisio e Thiago. Le scelte quindi sono obbligate e ricadono su Poulsen e Zanetti. Per il resto , vista anche l’assenza di Chiellini, Mellberg verrà schierato al fianco di Legrottaglie mentre in avanti conferma per il tandem offensivo Iaquinta-Del Piero. La formazione bianconera dovrebbe essere: Buffon-Grygera-Mellberg-Legrottaglie-Molinaro-Camoranesi-Poulsen-Zanetti-Nedved-Del Piero-Iaquinta

Lecce: De Canio, per la sfida di Torino, dovrebbe recuperare sia Munari che Caserta con il primo che verrà schierato in campo sulla fascia destra. La formazione dovrebbe ricalcare quella vittoriosa contro il Catania con un 4-4-1-1 con Giacomazzi ad agire alle spalle di Tiribocchi. La formazione salentina dovrebbe essere: Benussi-Polenghi-Fabiano-Esposito-Giuliatto-Munari-Zanchetta-Edinho-Ariatti-Giacomazzi-Tiribocchi

conti

Cagliari a Palermo per l’Uefa
copyright flickr.com

Palermo: Per lo scontro del Barbera, Ballardini recupera sia Amelia che Nocerino mentre Bresciano è ancora fermo ai box per una infiammazione al polpaccio destro. Lo schema rosanero dovrebbe essere ormai il collaudato 4-3-1-2 con Cavani e Miccoli di punta e Simplicio ad agire alle loro spalle. La formazione rosanero dovrebbe essere: Amelia-Cassani-Kjaer-Savini-Balzaretti-Migliaccio-Liverani-Nocerino-Simplicio-Miccoli-Cavani

Cagliari: Allegri , a Palermo, spera di perseguire nel cammino incredibile che il suo Cagliari ha fatto fino a questo punto che lo vede , attualmente, concorrere per posti europei. L’allenatore cagliaritano , per questa sfida, dovrebbe recuperara Biondini , acciaccato in settimana, mentre per Cossu i problemi sembrano più seri e dovrebbe quindi giocare Lazzari nel ruolo di trequartista. La formazione rossoblu quindi dovrebbe essere: Marchetti-Bianco-Canini-Agostini-Fini-Conti-Biondini-Lazzari-Acquafresca-Jeda

Roma: Spalletti , un pò come Ranieri, in continua emergenza formazione. L’infermeria giallorossa, infatti, è sempre strapiena e oltre agli acciacchi dei soliti noti si aggiungano i costanti problemi fisici per Totti e la squalifica di Pizarro per questa partita. Il tecnico giallorosso, quindi, dovrà nuovamente inventarsi qualcosa per cercare di riportare alla vittoria la propria squadra per sperare ancora nell’obiettivo quarto posto. La formazione giallorossa dovrebbe schierarsi con un 4-3-1-2: Arthur-Motta-Panucci-Mexes-Riise-Taddei-De Rossi-Perrotta-Brighi-Totti-Baptista

Chievo: Dopo le polemiche per l’immeritata sconfitta con l’Udinese di settimana scorsa, il Chievo va all’Olimpico senza potersi permettere nuovi passi falsi visto che le avversarie alle spalle , in zona salvezza, si sono fatte più vicine. Di Carlo dovrà rinunciare agli squalificati Yepes e Langella , per lo scontro all’Olimpico, mentre recupera tra i pali Sorrentino. La formazione clivense dovrebbe essere:  Sorrentino-Frey-Morero-Mandelli-Mantovani-Luciano-Rigoni-Marcolini-Pinzi-Pellissier-Bogdani

Udinese: Marino , contro l’Atalanta, dovrebbe perseguire sempre con lo stesso progetto tattico della stagione ossia il 4-3-3. L’unico cambiamento rispetto alle ultime uscite sarà l’inserimento di Floro Flores sulla fascia sinistra dell’attacco bianconero al posto dello squalificato Sanchez. Per il resto , la formazione ripercorre gli stessi concetti dell’annata con : Handanovic-Isla-Zapata-Felipe-Pasquale-Inler-D’Agostino-Asamoah-Pepe-Quagliarella-Floro Flores

Atalanta: Al Fruli Del Neri oltre agli infortunati di stagione Coppola e Ferreira Pinto dovrrà rinunciare agli squalificati Garics e Valdes. Il tecnico atalantino recupera, però, Doni che con Floccari rappresentaranno la minaccia maggiore per la difesa dell’Udinese. I bergamaschi si schiereranno con il solito 4-4-1-1 con: Consigli-Capelli-Talamonti-Manfredini T.-Bellini-Defendi-Guarente-Cigarini-Padoin-Doni-Floccari

Genoa: In casa genoana si vive con molta trepidazione l’attesa del derby numero 100 anche per via della dell’obiettivo quarto posto sempre in ballo per i rossoblu. Gasperini potrà schierare la formazione migliore  con il trio offensivo Palladino-Milito-Sculli. La formazione genoana quindi sarà: Rubinho-Biava-Ferrari-Bocchetti-Rossi-Thiago Motta-Juric-Criscito-Palladino-Milito-Sculli

Sampdoria: Mazzarri, come il suo collega Gasparini, potrà schierare la formazione tipo nel Derby della Lanterna. La Sampdoria quindi dovrebbe presentarsi con il solito 3-5-2 con la coppia del goal Pazzini-Cassano che spera di lasciare il segno anche nella stracittadina genovese. La formazione blucerchiata sarà: Castellazzi-Campagnaro-Gastaldello-Lucchini-Stankevicius-Sammarco-Palombo-Franceschini-Pieri-Cassano-Pazzini