17/12/2017

Nell’anticipo della 38° il Vicenza è salvo, il Rimini è nel baratro

maggio 1, 2009 di  
Inserito in Calcio in Romagna, Rimini, Serie B

forestieri

Forestieri apre i giochi
copyright flickr.com

VICENZA – Al “Menti” di Vicenza, i padroni di casa fanno un sol boccone di una squadra, il Rimini, che definire allo sbando è quasi un complimento. I romagnoli, mai in partita, subiscono subito la grinta dei padroni di casa che bucano la rete di Agliardi due volte (una per tempo). Romagnoli in crisi che devono ora aggrapparsi ai risultati delle squadre subito dietro in classifica per sperare in una salvezza miracolosa.

Non c’è pace per i tifosi del Rimini accorsi a Vicenza in questo anticipo della 38° giornata. Pronti via, non c’è nemmeno il tempo di sedersi sulle gradinate destinate al settore ospite che già sul primo calcio d’angolo il Vicenza passa, grazie a Forestieri che già dopo 120″ buca la difesa romagnola con un goal di rapina tra le maglie (in questa occasione) blu della squadra di Carboni, piede o tacco ma è sempre goal. 1 a 0! Il Rimini è già allo sbando e subisce la “ferocia” del Vicenza che già al 6° potrebbe chudere la partita con Bottone che ben servito incrocia troppo con palla che esce d’un soffio. Rimini rimasto letteralmente a casa e le uniche azioni da annotare degli ospiti sono falli da cartellino giallo rispettivamente per Pagano, Milone, Catacchini. Prima azione degna di nota del Rimini è alla fine del primo tempo quando grazie ad un’incursione di Matteini il pallone arriva a Cipriani il cui tiro da dentro l’area viene deviato alto sopra la traversa da un intervento miracoloso di un difensore. Sul rovesciamento di fronte Bjelanovic su grande assist “no look” di Rigoni spara alto con Agliardi che avrebbe potuto fare ben poco.

Ripresa che inizia a ritmi molto bassi ad addormentare la partita con il Rimini che fà di tutto per complicarsi la vita. Matteini al 62° si fa espellere per qualche parola di troppo, così che il Vicenza, che già aveva il pallino del gioco contro una squadra fatiscente possa controllare ancora meglio il gioco. L’epilogo (se già non fosse chiusa dopo 120″ la partita) arriva al 70° quando Volta solissimo in area di rigore riceve un pallone direttamente da calcio d’angolo per il 2 a 0 che chiude i giochi e decreta il Vicenza salvo per questa stagione (manca la matematica ma è quasi una certezza). Dopo 4′ di recupero, l’agonia per i tifosi riminesi finisce, con un Rimini che nei secondi 45′ non ha mai tirato in porta e un Vicenza che si è concentrato più a fare possesso palla e a schernire gli avversari piuttosto che a creare fasi di gioco, a volte cogliendo anche i fischi del pubblico del Menti che non gradiva. Finisce 2 a 0.