23/08/2017

Messi fa 20, ma il Real non molla. Il Valencia ‘mata’ il Siviglia

aprile 19, 2009 di  
Inserito in Liga

messi-barca

20 volte Messi
copyright flickr.com

Madrid– Il copione è ormai lo stesso, ed ogni settimana ci ritroviamo a commentare all’incirca le stesse cose: il Barcellona non ferma la propria corsa, ma il Real non molla. I catalani passano al Coliseum col 20° centro nella Liga di un Messi formato gigante, le merengues sbancano Huelva, anch’esse col medesimo risultato di 1-0. Niente e nessuno sembra in grado di fermare la loro corsa. Continua la sua risalita il Valencia, che batte e avvicina il Siviglia mantenendo saldo il suo preziosissimo quarto posto. Qualificazione alla prossima Champions in cui continua a credere l’Atletico, travolgente contro il Numancia, mentre s’arena ancora il Villarreal. In fondo, colpo dell’Espanyol, ma la situazione delle ultime tre -i catalani, il Numancia e il Recreativo- si fa critica.

Inarrestabili– Il doppio 1-0 con cui Barcellona e Real si sbarazzano dei rispettivi avversari (Getafe e Recreativo) non deve però ingannare. Le due rivali avrebbero potuto vincere con punteggio molto più largo, ma hanno trovato davanti due portieri in serata di grazia, nella fattispecie Stojkovic e Riesgo. Travolgente e a tratti spettacolare la formazione di Guardiola, che si affida alla solita invenzione di Messi per risolvere la contesa. Per la Pulce, oltre al 20° centro in campionato, da annotare anche un gol ingiustamente annullato, prima del palo di Eto’o. Meno sfavillanti le merengues, che passano a Huelva con Marcelo, ben assistito da Gago. Anche per loro un legno targato Raul. La formazione di Ramos non molla, i punti di distacco rimangono sei.

Lotta per l’Europa– Quarta vittoria di fila per il Valencia che batte e avvicina a -5 il Siviglia terzo. Gli andalusi s’illudono con Escudè, ma Villa, Mata e Hernandez ribaltano totalmente la situazione. Tre punti d’oro per gli uomini di Emery che rinforzano così il quarto posto dall’assalto dell’Atletico Madrid, che rifila tre sberle, tutte nella ripresa, al NumanciaBanega, Forlan, Simao– ora ultimo e sempre più vicino alla retrocessione. Perde ancora colpi, invece, il Villarreal falcidiato dalle assenze e logorato dall’eliminazione Champions di Londra. Lo 0-0 di Valladolid lo manda a -3 dal Valencia. Solo un pari anche per il Malaga, fermato in casa sull’1-1 dal Maiorca, mentre torna a sperare in un piazzamento Uefa il Deportivo, corsaro a Bilbao con Alvarez.

Si riaccende la speranza dell’Espanyol. I catalani battono il Racing (1-0), abbandonano l’ultima piazza e conquistano il settimo punto nelle ultime tre partite. La salvezza è ora distante quattro lunghezze: raggiungerla non è più utopia. Lo Sporting, infatti, scivola pericolosamente al quart’ultimo posto dopo il ko di Siviglia: la doppietta di Emana inguaia la squadra di Gijon e dà una boccata d’ossigeno al Betis, che sale a +7 sulla zona rossa. Un’altra doppietta, quella di Negredo, risulta decisiva nell’altro incrocio pericoloso tra Almeria e Osasuna (2-1, inutile la rete navarra di Pandiani).