23/08/2017

Bari a valanga, il Livorno ferma il Parma. Colpo Salernitana

aprile 19, 2009 di  
Inserito in Serie B

bari

Il Bari vola verso la A
copyright flickr.com

ROMA – In questa Serie B non c’è tempo per respirare perchè le emozioni si susseguono una dietro l’altra. Lo sa bene Leonardo Acori, tecnico del Livorno, che due volte in vantaggio contro il Parma nella sfida valida per il secondo posto, viene rimontato entrambe le volte. Il Mantova, sopra di due goal si fà raggiungere da un Ancona con tanta voglia di salvezza.

Empoli – Treviso 2-1

Non deve faticare più di tanto l’Empoli al Castellani per rimanere attaccato al treno playoff. Contro il Treviso partita che si sblocca dopo 5′ ad opera di Corvia grazie ad una intelligente apertura di Pozzi per Buscè che pesca l’attaccante romano che insacca di forza di testa. C’è gloria anche per Flachi, che entrato riceve un pallone da Buscè solo da spingere in rete. Grande gioia per il giocatore fiorentino. Al termine Accorcia su rigore il Treviso grazie a Quadrini.

Modena – Sassuolo 2-0

Un Modena con il coltello fra i denti e con tanta voglia di salvarsi, chiude il derby emiliano in 6′ (30° e 36°) grazie a Fantini, che appoggia in rete un passaggio dentro l’area di rigore di Gianpà e Biabiany che velocissimo passa dietro ai difensori, salta Bressan e insacca.

Bari – Rimini 3-0

Un Rimini che ha perso totalmente la bussola e la voglia di lottare, anche a causa delle numerose assenze prende tre goal dalla capolista, grazie anche ad uno strepitoso Agliardi che salva la capitolazione almeno in 5 nitide occasioni da goal. Apre le marcature Kutuzov di testa alla mezz’ora dopo un pallone perso da Docente. Ripresa che regala gioie per Guberti con un gran tiro da fuori area (61°) e per Donda al suo primo goal stagionale con un sinistro a giro che scavalca il portiere romagnolo (83°).

Cittadella – Pisa 1-0

Il Cittadella passa di rigore contro il Pisa dopo appena 13′ minuti grazie a Iori che con questo goal regala tre punti pesantissimi alla propria squadra in chiave salvezza. A fine partita espulso per doppia ammonizione Meggiorini.

Avellino – Piacenza 1-1

Mesbah illude gli irpini al 44° di testa con la seconda marcatura stagionale, ma il sogno di una incredibile salvezza viene interrotto pochi minuti dopo (48°) da Nainggolan che ristabilisce la parità raccogliendo un pallone da fuori area e scagliandolo in rete con una rasoiata a filo d’erba. Avellino che tra una settimana avrà un match salvezza a Rimini e deciderà lì le sorti della propria stagione.

paloschi1

Paloschi riprende il Livorno
copyright flickr.com

Livorno – Parma 2-2

L’ultimo treno per una A diretta per il Livorno e per il presidente Spinelli passava per questa partita, con un unico risultato possibile, cioè la vittoria. Vittoria assaporata in due occasioni, prima con Tavano su rigore (24°), raggiunti poi da Alessandro Lucarelli  di testa(67°) e poi con Danilevicius (72°). Doccia fredda però ad opera di un super-paloschi sempre più erede di Filippo Inzaghi che raccoglie un pallone vagante nell’area piccola ed insacca per il goal promozione. Da segnalare anche una traversa presa da Tavano con un gran tiro a portiere battuto.

Vicenza – Brescia 1-2

Tutto facile per le rondinelle in formato trasferta che passano grazie ai goal di Rispoli e Gorzegno (28° e 36°). Il solito Bjelanovic cerca di mettere un po’ di paura agli avversari siglando l’1 a 2, ma non ci sarà il tempo per trovare un pareggio importante per gli uomini di Gregucci.

Mantova – Ancona 2-2

In una partita che non accontenta nessuno come esito finale, vige però lo spettacolo puro, almeno nelle marcature che sono di grande fattura. Apre bene il Mantova che dopo 13′ è già sopra di due reti sui marchigiani ad opera di un gran Caridi, che nella prima occasione trova il tempo giusto per infilarsi tra le maglie biancorosse (per l’occasione blu) e saltare pure il portiere. Nella seconda invece trova un gran tiro di sinistro sul secondo palo. Ancona che non ci sta e nella ripresa l’Ancona batte una punizione a sorpresa che libera Turati che batte Handanovic con un preciso rasoterra. Ancona che ci crede più del Mantova e trova il pareggio gelando tutto lo stadio al 90° con Colacone che sigla il primo goal con la maglia dell’Ancona.

Salernitana – Albinoleffe 4-2

Vittoria importantissima in chiave salvezza agganciando il Rimini in attesa dello scontro diretto Martedi al Neri di Rimini. Albinoleffe costretta ad inseguire visto che è la Salernitana a fare gioco ed a passare in vantaggio già dopo 3′ con Iunco che salta Narciso con una finta ed insacca. Cellini ristabilisce la parità 34° con un rasoterra che beffa il portiere avversario anche se in sospetta posizione di offside non rilevata comunque dal collaboratore dell’arbitro. Parità che viene spezzata al 41° da Ganci che riesce a trovare la via del goal praticamente con un tiro sulla linea di fondo per la gioia dell’Arechi. Inizio della ripresa che vede l’Albinoleffe con un uomo in meno causa atterramento da parte di Narciso in area di rigore di Ganci. Rigore ma Coser appena entrato para! Goal sbagliato goal subito ed è una legge che agisce impietosa anche in questo caso. L’Albinoleffe trova il goal del pareggio con Ruopolo (63°) che insacca di testa dopo aver visto il portiere fuori dai pali. La reazione della Salernitana non si fa attendere e dilaga anche con l’uomo in più con Ledesma (77°) con un gran sinistro e Merino (82°) che segna il goal della giornata da 45mt dopo aver visto Coser fuori dai pali, per il definitivo 4-2.