28/06/2017

L’Ascoli non si ferma più, Pichlmann punisce la Triestina

aprile 18, 2009 di  
Inserito in Serie B

pichlmann
Pichlmann affonda la Triestina
copyright flickr.com

ROMA – Bello show quello che và in scena al Rocco di Trieste con ben cinque reti tra Triestina e Grosseto, con i toscani a passare al termine del tempo regolamentare grazie all’attaccante austriaco Thomas Pichlmann. Nell’anticipo serale rimonta dell’Ascoli ai danni del Frosinone e marchigiani che continuano a risalire imperterriti la classifica.

Triestina – Grosseto 2-3

Triestina che parte bene con un Testini in serata che già dopo 4 giri di orologio spedisce a Della Rocca un pacco regalo con tanto di fiocco che l’attaccante ex Bologna deve solo appoggiare in rete. La troppa sicurezza però tradisce il giocatore alabardato che colpisce malissimo spedendo clamorosamente sull’esterno della rete. Il Grosseto cerca di fare possesso palla e di tenere il ritmo basso, al contrario dei padroni di casa che pochi minuti più tardi, ancora con Testini, crea una ghiotta occasione sull’asse Testini – Granoche – Antonelli, con quest’ultimo che però spedisce alto sopra la traversa. La Triestina prende in mano le redini del gioco e Testini è sicuramente l’uomo in più dei padroni di casa; scatto ancora sulla fascia e Gessa che lo mette giù senza tanti problemi. Dominio che si concetizza al 25° quando Della Rocca si fà perdonare per l’errore iniziale: corner ribattuto dalla difesa grossetana, recupero di Testini, cross per Della Rocca che punisce Polito. Reazione degli ospiti che si concretizza però solo a fine primo tempo, con il goal del pareggio (nonchè prima azione degna di nota) di Sansovini, che spedisce sotto la traversa un pallone arrivatogli sugli sviluppi di un calcio piazzato.

Ripresa più frizzante per gli ospiti che già al 50° rischiano di impattare ancora con Sansovini che prova un gran goal in contropiede con Agazzi però che controlla la traiettoria del tiro finire sul fondo. A Sansovini risponde Testini, che prova il destro di potenza con pallone che si perde a lato di un metro. Ancora Testini, in formato da nazionale maggiore, prima tenta un pallonetto al 59° che supera Polito ma pure la porta. Poi semina il panico nella difesa avversaria e mette dentro un gran pallone per Della Rocca che però sbaglia il tempo dell’intervento. Agazzi di suo deve fare gli extra contro un Pellicori che gli si presenta a tu per tu. Bravo il portiere alabardato a salvarsi con il piede (71°). A Pellicori risponde Della Rocca di testa con Polito che si protrae in tuffo sicuro.

Risultato che si sblocca a 15′ dalla fine con Pellicori che anticipa il diretto avversario di testa e gela il Rocco, per il vantaggio del Grosseto!!! Partita che scivola verso le fasi finali del match, con la Triestina che però non è mai doma e a 2′ dallo scadere trova il meritato pareggio con Allegretti, che su punizione insacca alle spalle di un Polito non proprio pronto sul tiro. Partita che sembra incanalata verso il risultato di parità, ma il Grosseto vuole l’ultima parola e dopo 1 minuto dal goal di Allegretti la doccia fredda: torre di Bonanni in area della Triestina e Pichlmann che da due passi batte a rete per la vittoria del Grosseto. Finisce 3 a 2.

cani-ascoli
L’Ascoli vola verso i Play-off
copyright flickr.com

Ascoli – Frosinone 2-1

Pensare che qualche settimana fà era in piena zona retrocessione ed ora ad un passo dai playoff sembra una storia che ha dell’incredibile ed invece l’Ascoli di Colomba ha qualcosa di miracoloso e solo il Parma in questo girone di ritorno ha fatto più punti dei bianconeri.

L’Ascoli parte bene ma è il Frosinone a concretizzare già alla prima occasione:  al 21′ l’azione si sviluppa sulla fascia sull’asse Cariello – Eder – Cariello, il quale mette dentro per Tavares che si gira sul dischetto del calcio di rigore e trafigge Guarna (21°) per lo 0-1. Passano pochi minuti per la reazione dell’Ascoli che si concretizza dopo una bella azione sulla sinistra, cross passa tutta l’area di rigore, palla che arriva a Sommese che spara a botta sicura sul cui tiro è però pronto Sicignano, ma ancor più pronto è Soncin alla ribattuta facile facile per il goal del pareggio e l’1-1 dei padroni di casa (29°). Inizia a spingere l’Ascoli che sente odore di quartieri alti e Pesce di testa spedisce sopra la traversa non di molto.

La ripresa si apre con l’Ascoli sempre in avanti, alla ricerca del goal del vantaggio e il Frosinone più attendista per conservare almeno il pareggio. Sommese scalda i guanti a Sicignano con un bel sinistro da fuori sul quale l’estremo difensore ciociaro è pronto. Il preludio al goal ascolano è però nell’aria quando Sicignano ribatte un pallone sui piedi di Cani, con il pallone che carambola lentamente a fil di palo, per il goal che sarebbe stato sicuramente il più roccambolesco della settimana (55°). Il goal arriva al 67° quando l’albanese Cani viene innescato da Bellusci e a tu per tu con Sicignano piazza un pallonetto morbido per l’esplosione del pubblico al Del Duca. La risposta del Frosinone arriva all’ 80° con Bocchetti che trova il tempo per tirare in mischia e Bellusci salva. Dopo 4′ minuti di recupero e tanta lotta a centrocampo sulla quale il Frosinone, nè l’Ascoli, riescono a costruire pericoli finisce 2-1 per i padroni di casa, con gli uomini di Colomba che ora sentono odore serio di playoff.