23/07/2017

Il Sassuolo perde un’occasione d’oro. L’Avellino si salva

aprile 15, 2009 di  
Inserito in Serie B

ciotola

Ciotola blocca il Sassuolo
copyright flickr.com

Modena– Nel recupero della 33° giornata di Serie B tra Sassuolo e Avellino, causata dalle defezioni degli impegni con le nazionali, non si và oltre al segno “X”. A Noselli risponde Ciotola, entrambi a bersaglio nei primi 45′. Nella ripresa legno dell’Avellino su una buona conclusione al volo di Visconti.

Vantaggio neroverde– Sassuolo che scende in campo più propositivo rispetto all’Avellino, sfoggiando un tridente tutto offensivo con Erpen, Martinetti e Noselli. Avellino invece più abbottonato, con il solo Visconti davanti supportato da Koman. I primi palloni che arrivano dalle parti degli estremi difensori, sono tiri che non impensieriscono più di tanto, anche perchè spesso partiti da 25 metri ed oltre. La partita però si sblocca dopo nemmeno 15′, grazie ad un fallo laterale battuto sul quale Noselli può prendere la mira e far partire un tiro dai 30 metri di controbalzo sul quale nulla può l’estremo difensore irpino Padelli. 1 a 0 al 12′.

Pari irpino– La reazione dell’Avellino tarda ad arrivare e così gli emiliani possono premere alla ricerca del secondo goal che però non arriva, un po’ per imprecisione di Erpen e compagni, un po’ per la bravura dei difensori irpini. L’occasione più ghiotta per il raddoppio capita sui piedi di Salvetti, ma l’ex Cesena si fa ipnotizzare da Padelli e spedisce clamorosamente a lato. Come capita spesso nel calcio, a “goal sbagliato goal subito”. All’occasione sprecata malamente da Salvetti risponde il goal al 38′ di Ciotola, che dalla fascia converge senza che nessuno dei centrali neroverdi lo vada a contrastare, prende la mira indisturbato e trafigge dalla distanza Bressan con un tiro calcolato al millimetro.

Legno Avellino– La ripresa vede un Sassuolo fare subito la partita con 2 occasioni nei primi 5′, su cui è bravissimo Padelli: l’estremo ospite prima rimedia ad un errore della difesa sul quale Martinetti, dopo un cross di Salvetti, stava per insaccare a rete; poi, dopo un’azione insistita dei locali, è sicuro sulla conclusione di Salvetti. Anche se il Sassuolo continua a costruire decisamente più palle goal degli avversari, l’occasione migliore di tutto il secondo tempo capita sui piedi di Visconti (64′) il quale calibra il piattone e quasi a mezz’aria fa partire un tiro che si stampa sul palo alla sinistra di Bressan. Ma la reazione dell’Avellino, seppur sfortunata, è tutta qui. Infatti ripartono gli emiliani che hanno ottime occasioni con Masucci (bravo Padelli a deviare in angolo sul tiro da posizione defilata) e con Martinetti allo scadere, dopo una bella triangolazione nello stretto con lo stesso Masucci, non riesce però a superare Padelli che si immola salvando risultato e partita. Finisce 1 a 1.

Pari amaro– Un pareggio che serve più all’Avellino, che in vista del derby tra Modena e Sassuolo si avvicina ai canarini, ora ad una solo lunghezza di distanza. Il Sassuolo, invece, recrimina per le troppe chanches sciupate. Con un po’ più di precisione si sarebbe parlato a questo punto di quarto posto in solitaria (con una vittoria avrebbe distaccato e superato Brescia e Triestina in un colpo solo) e di una sola lunghezza dalla terza (Livorno).