24/07/2017

L’Ascoli sbanca Rimini nel posticipo salvezza

marzo 31, 2009 di  
Inserito in Calcio in Romagna, Rimini, Serie B

soncin

Soncin inguaia il Rimini
copyright flickr.com

Rimini– Nel posticipo della 33° giornata di Serie B, và in scena in quel di Rimini un importante match tra una squadra, l’Ascoli che sta pian piano risalendo la classifica e l’altra, il Rimini, che deve ritrovare la propria personalità sopratutto sotto porta. Passano i marchigiani (1-0) in questo delicatissimo scontro valevole per la salvezza, inguaiando gli uomini di Elvio Selighini ora collocati a ridosso della zona play-out.

Gli episodi chiave– La partita si anima fin dalle prime battute, con entrambe le squadre che sebbene in emergenza di molti titolari (9 tra Ascoli e Rimini) non lesina spettacolo. Ci prova il Rimini dopo 13′ ma il colpo di testa di Cipriani termina a lato. La risposta degli ospiti è sicuramente migliore, anche perchè si tramuta nella rete del vantaggio, ad opera di Soncin che sfrutta una sponda di Cani e trafigge l’incolpevole portiere romagnolo (18′). Il Rimini ci prova allora su punizione con La Camera senza però inquadrare lo specchio della porta. Ma è l’Ascoli che crea le occasioni più nitide e solo la bravura di Pugliesi salva i biancorossi dalla capitolazione su tiro di Soncin che fà partire un bel destro da fuori area. A fine primo tempo l’occasione più nitida per i locali: Docente viene toccato in area da Giallombardo, Cavarretta non ha dubbi e concede il calcio di rigore che però Pagano sciupa malamente.

Ripresa– Il Rimini si proietta in avanti (si intravede anche un 4-1-4 nella disperata ricerca del pareggio), ma sono ancora gli ospiti a farsi pericolosi dalle parti dell’estremo difensore romagnolo con Pesce che in due occasioni (52′ e 57′) lo impegna con due sventole da fuori area. La risposta del Rimini sta tutta nella traversa presa da Cipriani, ma l’ex Bologna è in posizione di off-side. Nel finale occasionissima per il raddoppio ascolano con Giorgi che sciupa malamente. Finisce quindi 1-0 per i marchigiani.

Crisi biancorossa– Con questo ko la band Selighini si complica la vita in ottica salvezza. Dietro arrancano, ma anche i romagnoli non se la passano bene. Importantissimi ora diventano i match interni con Salernitana e Avellino che decreteranno le sorti della squadra. Per l’Ascoli, invece, una vittoria che dà grande ossigeno e spinge verso una zona di classifica più tranquilla.