28/03/2017

Milan-Napoli a reti inviolate

marzo 22, 2009 di  
Inserito in Milan, Napoli, Serie A

donadoni

Pari stretto per Donadoni contro il suo Milan
copyright flickr.com

NAPOLI – Nel suo esordio al San Paolo Roberto Donadoni si deve accontentare ancora di un punto. Ma lo 0-0 con il Milan gli va stretto. Un Napoli così non si vedeva da gennaio. Gli azzurri, dopo un primo tempo timido, in cui però segnano un gol valido con Hamsik annullato per inesistente fuorigioco, salgono in cattedra nella ripresa e mancano due volte il vantaggio con Zalayeta. L’esordio dell’ex c.t. al San Paolo non è fulminante, ma Donadoni può guardare con fiducia al futuro degli azzurri che tengono sotto un Milan molle e poco convincente e a bocca asciutta dopo 29 partite consecutive con gol.

Tattica- Con Grava e Mannini sulle fasce nel folto centrocampo a cinque; con Zalayeta preferito a Denis, Donadoni regala più potenza e tecnica alla squadra. Il tecnico del Napoli oppone al Milan un 3-5-2 molto elastico, in cui benedice la marcatura a uomo. Ancelotti lo aveva previsto, ma schiera lo stesso il suo inossidabile 4-3-1-2, dove il trequartista è Seedorf alle spalle di Inzaghi e Pato. Kakà va in panchina con Ronaldinho; utili in caso di emergenza.

Avvio milanista-In avvio è il Milan a fare la partita, ma si tratta soprattutto di possesso palla, utile per spezzare il pressing degli azzurri ben disposti in campo. Il Napoli fa girare molto la palla a centrocampo; i rossoneri optano per il possesso per spezzare il pressing azzurro. Si vede la mano di Donadoni che obbliga Lavezzi ad arretrare e infastidire Pirlo, Blasi a marcare stretto Seedorf, mentre in difesa è grande l’attenzione su Inzaghi, francobollato da Contini. Sul fronte rossonero Pato fa la differenza; anticipa che è un piacere e cerca spazi nello stretto. Soprattutto si tira dietro due difensori, subito raddoppiati dai centrocampisti. Ma il brasiliano è troppo solo per nuocere.

Gol Annullato- E’ un Napoli prudente che bada a non scoprirsi e attendere il momento giusto per affondare. Sembra, anzi, che gli azzurri, siano poco consapevoli della loro potenziale forza, perché quando decidono di spingere in velocità mettono il Milan alle corde. Lavezzi, rispetto alle ultime prestazioni, sembra rinato. L’argentino cerca spazi e arriva al cross e quando può prova a cercare il gol. Al 37′ il Napoli segna, ma la rete viene annullata per un inesistente fuorigioco di Hamsik che spinge in rete un colpo di testa di Zalayeta. Il Milan rallenta il ritmo bloccando il gioco sulla liena mediana. Ecco quindi che a fare la differenza sono giocatori di quantità come Flamini che si sacrifica e s’immola su ogni palla. Al pari di Mannini, molto carico al rientro dopo la sospensione della squalifica, strepitoso punto di riferimento in fase difensiva come in quella offensiva.

Napoli sprecone – Il Milan capisce che per fare punti deve giocarsela come il Napoli: aumentando il ritmo e pressando ferocemente su palla e uomo. Ma le marcature non permettono a Pato di saltare l’uomo. Ancelotti reclama accelerazioni; Seedorf non gliele garantisce ed ecco Kakà. Constatato poi che Inzaghi non può fare i miracoli ogni domenica, lo sostituisce con Ronaldinho. Il tridente brasiliano potrebbe fare di più, ma i nuovo entrati non hanno ritmo nelle gambe. Semmai è il Napoli a mangiarsi le mani. Al 19′ Hamisk mette davanti a Zalayeta la palla da spingere in rete; l’uruguaiano si avvita e mette a lato con la porta spalancata: incredibile. E’ il Napoli dal calcio spregiudicato voluto da Donadoni; che detta i tempi alla gara. Al Milan non resta che frenare, ma gli azzurri salgono di tono e sfiorano il gol ancora con Zalayeta, stoppato due volte da Dida, poco dopo l’ingresso di Senderos per Favalli. Il Napoli ha capito di averne di più e sfrutta il macchinoso andirivieni di un Milan senza idee e forza fisica. Poco convincente anche con il “Ka-Pa-Ro”, annullato dall’attenta difesa campana. Resta solo il tempo per assistere a una punizione maligna di Beckham parata da Navarro. La ciliegina per l’inglese, ancora una volta tra i migliori e convocato da Capello.