28/06/2017

Davanti allungano Bari e Parma, dietro risorgono le piccole

marzo 22, 2009 di  
Inserito in Serie B

bari1

Il Bari affonda il Cittadella
copyright flickr.com

ROMA – In un sabato di Serie B, dove tengono banco i fatti extra calcio capitati al Treviso (irruzione di un gruppo di ultras durante una riunione della società con distruzione della sede e tre feriti per fortuna non gravi, per contestare il presidente Setten, indicato come causa della posizione di classifica della squadra), vincono quasi tutte le squadre nelle parti basse della classifica (Avellino, Modena, Mantova, Ancona, Vicenza). Davanti allungano e fanno prove di Serie A Parma e il solito Bari. Fà harakiri il Livorno in casa e fà scoppiare la protesta dei propri tifosi.

Ascoli – Albinoleffe 2-2

Al ” Cino e Lillo Del Duca ” è l’Ascoli che deve inseguire il risultato per tutto il match. Bergamaschi in vantaggio con Laner, e subito raggiunti un minuto dopo da Cani, che diventerà l’incubo per gli ospiti. Nel secondo tempo ripassa in vantaggio l’Albinoleffe con Cellini, ma è ancora Cani a ristabilire l’equilibrio in campo a 12′ dalla fine.

Avellino – Pisa 2-0

Risorge l’Avellino tra le mura amiche, che con un goal per tempo di Ciotola ( 7′ e 61′ ) fermano un Pisa che da qualche settimana si era proiettato nelle zone calde della classifica e iniziava a intravedere qualche possibilità di play-off . Nel finale espulso anche Alvarez.

Bari – Cittadella 2-0

Continua la corsa solitaria del Bari che stacca di altre tre lunghezze un Livorno che nelle ultime settimane sta affannando e non poco.  Ci vogliono 52′ per piegare il Cittadella con il solito Barreto, arma in più del Bari in questo momento tornato da un infortunio qualche giornata fà e già resosi protagonista insostituibile. Cinque minuti più tardi il Cittadella perde Pesoli per doppia ammonizione e chiude le danze Kutuzov 10′ più tardi.

Empoli – Sassuolo 3-2

Ci pensa “bum-bum” Pozzi a salvare l’Empoli dopo che Masucci e Pensalfini avevano portato in vantaggio per due volte il Sassuolo, ripreso dal goal di Buscè. A 13 dal termine arriva l’uno due di Pozzi che al 77′ e all’80’ dona 3 punti all’Empoli che rimane così attaccata al treno promozione avvicinandosi ad Albinoleffe e Triestina.

livorno1

Livorno in crisi, Ko con l’Ancona
copyright flickr.com

Livorno – Ancona 2-3

Bruttissima battuta d’arresto per il Livorno, che dopo i due pareggi con Rimini e Cittadella perde contro un Ancona che ha il merito di non guardare il divario in classifica e di crederci fino in fondo. Parte di slancio il Livorno che dopo 16′ è già avanti di 2 goal con Loviso e Cellerino. Ancona che nel secondo tempo ci crede di più e arriva al goal con Mastronunzio che in 2 minuti ristabilisce la parità dell’incontro (61′ e 62′). Livorno frastornato e Ancona che affonda il colpo del KO definitivo Soddimo. Contestazione all’uscita del pullman del Livorno, con qualche momento di tensione.

Mantova – Rimini 1-0

Nello scontro salvezza tra Mantova e Rimini vincono i padroni di casa, che passano a pochi minuti dal fischio finale dell’arbitro con Franchini, bravo a risolvere una mischia in area con la zampata finale. Rimini che dalla sua può recriminare per le tantissime assenze (in difesa ha dovuto giocare un’ala come terzino) ed anche per averci creduto di meno.

Modena – Vicenza 3-1

Sasà Bruno è uno che o ne fà tre o non ne fà di goal. Ben per il Modena che oggi abbia scelto la prima opzione, chiudendo la partita già dopo 30′. Così il Modena continua il suo sorprendente girone di ritorno, stendendo un Vicenza poco convinto che segna solo nel finale con Bjelanovic.

Piacenza – Frosinone 3-0

Al Garilli il Piacenza ne rifila tre al Frosinone formato trasferta. Apre le danze Ferraro (31′), seguito poi da Volpato (58′) che chiude il match. Arriva infine gloria anche per Avogadri (64′) per chiudere ogni minima speranza di recupero dei ciociari.

Triestina – Parma 0-3

Il Parma ha preso ormai la rincorsa per la Serie A, sulla scia del super-Bari. Gli uomini di Francesco Guidolin passano facile sul campo della Triestina. Apre Budel dopo 2′, segue Vantaggiato (che raggiunge Tavano nella classifica cannonieri) al 69′ e chiude Mariga (90′), che sembra essere l’uomo in più in questo momento degli emiliani.