24/06/2017

Sfide “Anni 80” per non perdere il treno

marzo 21, 2009 di  
Inserito in Probabili formazioni, Serie A

seedorf

Seedorf rientra contro il Napoli
copyright flickr.com

ROMA – La 29esima giornata di serie A si caratterizza per sfide da altri tempi e altri interpreti come Roma-Juventus e Napoli-Milan. All’Olimpico si sfidano due squadre che lottano per non perdere il treno scudetto e champions non essendo al massimo per farlo. Entrambe le compagini, infatti, sono afflitte da numerose assenze che rendono difficoltosa la messa in campo di un undici decente per i rispettivi allenatori. Al San Paolo, il Milan prova a mettere ancor più fieno in cascina cercando di consolidare il proprio terzo posto in classifica facendo affidamento sul tandem d’attacco Pato-Inzaghi. Il Napoli di Donadoni prova a ritornare ai 3 punti, contro una storica rivale,  puntando sulle giocate dell’argentino Lavezzi in coppia con Zalayeta.  Comunque andiamo nel dettaglio ad analizzare la giornata partita per partita:

-CATANIA: Gli uomini di Zenga provano a ritornare al successo tra le mura amica perseguendo nello stesso cammino tattico di Udine. I catanesi, infatti, dovrebbero scendere in campo con un 4-4-2 con i ballottaggi tra Martinez-Paolucci da affiancare al giocatore da prodezze balistiche, tal Beppe Mascara. A centrocampo, altro dubbio, riguarda Izco-Llama con il primo favorito sul secondo. Da tenere in considerazione , in casa rossoblu, le defezioni di Baiocco e Morimoto per infortunio e di Terlizzi e Dica per scelta tecnica. L’undici titolari catanese dovrebbe essere: Bizzarri-Potenza-Silvestre-Stovini-Capuano-Izco-Ledesma-Biagianti-Tedesco-Martinez-Mascara.

-LAZIO: In casa laziale, Delio Rossi prova a riportare la propria squadra in carreggiata, dopo lo scivolone in casa con il Chievo, puntando sulla coppia collaudata Rocchi e Pandev in attacco. Per il resto la defezione maggiormente significativa riguarda il reparto di centrocampo con l’assenza di Matuzalem che non è stato convocato per la trasferta di Catania. Per fortuna del mister laziale,  invece, dovrebbero recuperare sia Muslera che Lichsteiner anche se sul secondo sarà decisiva la rifinitura pre-gara. La formazione biancocelestre dovrebbe annoverare: Muslera-Lichsteiner-Siviglia-Cribari-Radu-Foggia-Ledesma-Brocchi-Manfredini-Rocchi-Pandev.

-ROMA: Come detto, Spalletti deve far fronte ad una situazione di effettivi abbastanza sconfortante. Dopo il ricordo respinto per la squalifica di De Rossi, anche il centrocampista della nazionale mancherà nel confronto di questa sera. L’assenza del mediano si assomma a quelle di Cicinho, Cassetti, Juan, Taddei, Aquilani, Totti, Perrotta oltre alle squalifiche di Pizarro, Diamoutene e Motta. In poche parole il mister giallorosso deve reinventarsi una squadra. Per cui l’undici iniziale dovrebbe prevedere l’inserimento del primavera Filipe, di cui si parla un gran bene, a centrocampo al fianco di Brighi. Nel dettaglio la Roma dovrebbe schierarsi con: Doni-Panucci-Mexes-Loria-Riise-Filipe-Brighi-Tonetto-Baptista-Menez-Vucinic.

nedved

La Juve prova ad avvicinare l’Inter
copyright flickr.com

JUVENTUS: Per Ranieri la situazione generale è solo leggermente migliore visto che, anche in casa bianconera, le defezioni non mancano: niente Roma per Legrottaglie e Marchisio, entrambi out a causa di una botta al ginocchio sinistro. Il mister bianconero recupera Marchionni (probabilmente partirà dalla panchina), Nedved e Trezeguet. In difesa Chiellini giocherà con un archetto protettivo al naso in coppia con Mellberg. A centrocampo la novità è Giovinco. Dopo l’ottima prestazione col Bologna Ranieri sembra intenzionato a dargli nuovamente fiducia, stavolta però sulla fascia destra mentre a sinistra ci sarà Nedved. In attacco Del Piero e Iaquinta. Per cui la formazione dovrebbe essere: Buffon-Grygera.Mellberg-Chiellini-Molinaro-Giovinco-Tiago-Poulsen-Nedved-Iaquinta-Del Piero

BOLOGNA: Per il confronto con il Cagliari, Mihajolovic sembra orientato a schierare un 4-2-3-1 con il ritorno nell’undici titolare di Osvaldo. Per il resto, rispetto alle precedenti uscite, dovrebbe mancare il solo Britos in difesa che dovrebbe essere sostituito da Castellini . La formazione gialloblu quindi dovrebbe prevedere: Antonioli-Belleri-Moras-Castellini-Lanna-Mutarelli-Mingazzini-Volpi-Bombardini-Osvaldo-Di Vaio.

-CAGLIARI: La formazione di Allegri, prova a riportare i tre punti in cassaforte dopo tre confronti senza aver ottenuto il risultato grosso. Il Cagliari, per il confronto di Bologna, dovrà fare a meno dell’infortunato Pisano che ancora non ha recuperato dai suoi problemi fisici e dello squalificato Cossu, defezione, quest’ultima, non di poco conto vista l’importanza ricoperta dal trequartista cagliaritano negli schemi di Allegri. In sostituzione della mezzapunta sarda dovrebbe essere schierato Lazzari con il compito di ispirare la coppia di attaccanti Acquafresca-Jeda. L’undici titolare dovrebbe essere quindi: Marchetti-Matheu-Lopez-Canini-Agostini-Fini-Conti-Bionidini-Lazzari-Acquafresca-Jeda.

-CHIEVO: I clivensi arrivano al confronto contro il Palermo forti della vittoria in trasferta di Roma con la Lazio e con la convinzione che , con la cura Di Carlo, si sia trovato un senso ad una stagione che fino a fine 2008 pareva non esserci, parafrasando una celebre canzone di Vasco Rossi. Di Carlo dovrebbe, quindi, puntare sugli stessi 11 che hanno vinto all’Olimpico con l’eccezione di Bogdani dal primo minuto al fianco di Pellissier. La formazione veronese dovrebbe essere:  Sorrentino-Frey-Moreno-Yepes-Mantovani-Luciano-Rigoni-Marcolini-Pinzi-Pellissier-Bogdani.

PALERMO:  Ballardini e compagnia non arrivano al confronto del Bentegodi nelle migliori condizioni. Alla squadra palerminata, infatti , mancheranno Bresciano e soprattutto Miccoli che nelle ultime settimane era stato l’uomo decisivo per i successi rosanero. Con queste premesse, il Palermo affronta una delle squadre più in forma del momento per provare a dare, comunque, continuità ad un buon momento, dati i risultati. I rosanero dovrebbero schierarsi con: Amelia-Cassani-Carrozzieri-Bovo-Balzaretti-Migliaccio-Liverani-Nocerino-Simplicio-Succi-Cavani.

FIORENTINA: I Viola ci provano….Eh si è il caso di dirlo visto che sono reduci da due sconfitte consecutive con il Palermo e con l’Inter e da un periodo senza vittorie ben più lungo. Prandelli , come tutti del resto, è  conscio che questo è un momento estremamente delicato e che l’unico modo per uscirne è essere maggiormente concreti e meno svagati nei momenti importanti delle partite. Con questo spirito e con questa voglia la Fiorentina incontra, nel derby toscano, il Siena per cercare di ritrovare nuovamente il filo del discorso. Lo schema che dovrebbe adottare Prandelli è un 4-1-3-2 con Jorgensen a svolgere il compito di schermo davanti la difesa e il trio a trequarti Melo-Kuzmanovic-Montolivo ad ispirare le punte Gilardino-Mutu. I Viola quindi dovrebbero essere:  Frey-Comotto-Gamberini-Kroldrup-Vargas-Jorgensen-Kuzmanovic-Felipe Melo-Montolivo-Mutu-Gilardino

-SIENA: Il Siena prova a reagire alla brutta sconfitta casalinga contro il Milan affrontando una Fiorentina non certo nel migliore dei momenti ma vogliosa di far punti. Marco Giampaolo confermerà il 4-3-1-2 con Ghezzal e Maccarone in avanti, supportati da Kharja. A centrocampo rientra Galloppa dopo la squalifica, in difesa ci sarà Brandao, uscito anzitempo contro il Milan, ma completamente recuperato in settimana. L’undici titolare bianconero dovrebbe essere quindi:  Curci-Zuniga-Portanova-Brandao-Del Grosso-Codrea-Vergassola-Galloppa-Kharja-Amoruso-Maccarone.

GENOA: I rossoblu al cospetto dell’unica italiana rimasta in Europa (Coppa Uefa) recuperano Biava in difesa ma perdono a centrocampo Thiago Motta per cui Gasperini dovrà fare a meno di uno dei suoi uomini migliore di centrocampo. Per il resto l’undici titolare dovrebbe annoverare: Rubinho-Biava-Ferrari-Bocchetti-Rossi-Milanetto-Juric-Criscito-Sculli-Milito-Palladino.

UDINESE: In casa bianconera dopo la qualificazione ai quarti di Uefa, risultato storico per il club, ci si presenta a Genova con il morale alle stelle e con la voglia di dare seguito a questo momento positivo. Marino, però, deve fare i conti con le scorie del giovedì europeo e con alcuni infortuni vedi Lukovic, per il quale si sospetta uno stiramento. I bianconeri dovrebbero quindi schierarsi con : Handanovic-Zapata-Domizzi-Felipe-Pasquale-Isla-D’Agostino-Asamoah-Pepe-Floroflores-Sanchez.

ibrahimovic

L’Inter trova l’ultima della classe
copyright flickr.com

INTER: La squadra di Mourinho arriva allo scontro casalingo con la Reggina con alcuni problemi di formazione, soprattutto in difesa, viste gli infortuni di Chivu,Materazzi,Cordoba e la squalifica di Samuel. Per questa ragione il tecnico portoghese sembra orientato ad adottare un cambio di modulo con l’arretramento di Cambiasso sulla linea dei difensori e l’inserimento di Mancini e Jimenez ,quest’ultimo in luogo di uno Stankovic acciaccato, che insieme a Balotelli dovrebbero spalleggiare Ibrahimovic. La formazione quindi dovrebbe prevedere: Julio Cesar-Maicon-Rivas-Cambiasso-Santon-Zanetti-Muntari-Mancini-Jimenez-Balotelli-Ibrahimovic.

REGGINA: In casa calabrese, Orlandi ha anche lui qualche problema di formazione visto che dall’infermeria non arrivano buone notizie su Corradi, Campagnolo e Hallfredsson. Il dubbio del tecnico amaranto chi impiegare tra Sestu e Krajcik ma ,visti i problemi, sembra un eufemismo parlare di problemi di scelta. Per cui la formazione della Reggina dovrebbe essere: Puggioni-Lanzaro-Valdez-Santos-Sestu-Barreto-Carmona-Barillà-Costa-Brienza-Cozza.

LECCE: De Canio prova a firmare la sua prima in Salento con una vittoria che manca al Lecce dall’Ottobre del 2008,  tra le mura amiche. In chiave formazione nè Tiribocchi Konan sembrano in condizione di poter giocare contro l’Atalanta, di conseguenza la formazione dovrebbe prevedere , secondo uno schema 3-4-3:  Rosati-Esposito-Fabiano-Stendardo-Angelo-Edinho-Zanchetta-Ariatti-Caserta-Castillo-Papadopoulos.

-ATALANTA: Un’ Atalanta orfana di Doni va a Lecce per cercare di ritrovare un cammino buono anche lontano da Bergamo. Del Neri , vista l’assenza del suo uomo migliore, dovrebbe impiegare Valdes a supporto dell’unica punta Floccari per cercare di colpire la squadra salentina con rapide ripartenze. Per il resto la formazione neroazzurra dovrebbe essere: Consigli-Capelli-Pellegrino-Manfredini-Bellini-Defendi-Guarente-Cigarini-Padoin-Valdes-Floccari.

TORINO: Novellino affronta la sua ex-squadra in una condizione non certo esaltante. Nell’ultima settimana, infatti, il tecnico granata ha perso anche Abate che, fino a questo momento, era stato uno dei pochi a salvarsi in questa stagione così precaria per il Toro. L’infortunio dell’esterno destro si assomma a quello di Rosina per cui come si suol dire “piove sul bagnato”. Detto questo i granata dovrebbero schierarsi con: Sereni-Rivalta-Natali-Dellafiore-Rubin-Diana-Corini-Dzemaili-Barone-Gasbarroni-Bianchi.

SAMPDORIA: In casa doriana l’unica defezione della settimana riguarda Stankevicius che si è allenato a parte e che non dovrebbe partire tra i titolari contro il Torino. Per il resto Mazzarri punterà sul suo collaudatissimo 3-5-2 con la coppia del goal Pazzini-Cassano a mietere vittime. L’undici quindi dovrebbe essere: Castellazzi-Raggi-Lucchini-Accardi-Padalino-Sammarco-Palombo-Franceschini-Pieri-Cassano-Pazzini.

-NAPOLI: Al San Paolo sfida tra presente e passato data la partita e anche le panchine con Donadoni e Ancelotti. Il tecnico bergamasco , in chiave formazione, ha dei dubbi su chi impiegare come fluidificante di sinistra nel 3-5-2. I nomi sono quelli di Mannini e Datolo. In chiave offensiva anche Zalayeta e Denis si giocano un posto di titolare al fianco di Lavezzi. I patenopei , quindi, dovrebbero scendere in campo: Navarro-Santacroce-Cannavaro-Contini-Montervino-Pazienza-Blasi-Hamsik-Datolo-Zalayeta-Lavezzi.

MILAN: In casa rossonera la buona notizia è la convocazione di Kakà per il match di calcio Napoli. Per il resto, Ancelotti recupera anche Seedorf che dovrebbe partire dall’inizio nel ruolo di trequartista alle spalle del duo Pato-Inzaghi. La formazione per cui dovrebbe essere: Dida-Zambrotta-Favalli-Maldini-Jankulovski-Beckham-Pirlo-Flamini-Seedorf-Pato-Inzaghi.