28/06/2017

Udinese, spodesta lo Zenit

marzo 19, 2009 di  
Inserito in Europa League, Udinese

quagliarella

Il bomber di coppa Quagliarella
copyright flickr.com

San Pietroburgo– Mancano poche ore al probante impegno degli uomini di Marino in terra di Russia. L’Udinese, unica rappresentante del calcio italiano in Europa, cercherà di difendere il 2-0 acquisito all’andata per ottenere il primo storico passaggio ai quarti di coppa Uefa. Però, nella tana dello Zenit San Pietroburgo, detentore del trofeo, il compito non si prospetta facile. L’obbiettivo è spodestare i campioni in carica.

Zenit mai vittorioso– Nessun gol e zero vittorie contro squadre italiane: il ruolino dello Zenit contro le nostre squadre rincuora i bianconeri. Sono infatti tre i ko; oltre allo 0-2 del Friuli, c’è lo 0-1 in casa della Juventus nella fase a gironi di Champions e un pesante 0-3 contro il Bologna nella coppa Uefa edizione 1999-2000. Anche il tecnico Dick Advocaat non vanta precedenti favorevoli. In sette incontri, un solo successo, due pari e quattro sconfitte. Molto meglio l’Udinese, all’attivo due vittorie in altrettanti match con squadre russe sempre in questa stagione (il primo hurrà è arrivato nella fase a gironi con lo Spartak Mosca, 2-1). I friulani, per altro, sono stati eliminati una sola volta dopo aver vinto la gara d’andata in casa. È accaduto nel primo turno della Uefa 2000/01 contro il Paok Salonicco: allo Stadio Friuli, però, finì ‘solo’ 1-0, mentre in trasferta brutto ko per 3-0.

Formazioni– Quattro gli squalificati per questo return match: Aleksandr Anyukov e Roman Shirokov dello Zenit, Maurizio Domizzi e il tecnico Marino nelle fila dei bianconeri. L’Udinese schiererà la formazione tipo, con il tridente azzurro Pepe- Di Natale- Quagliarella (bomber di coppa bianconero con 5 reti) e Isla arretrato sulla linea dei difensori per ovviare alle assenze di Coda, Ferronetti e Tissone. Advocaat, invece, oltre ai due squalificati, dovrà presumibilmente far a meno del faro di centrocampo Tymoschuk. Fischio d’inizio alle 18.30 (20.30 locali) allo stadio Petrovsky di San Pietroburgo.