19/09/2017

Udinese, dolcissimo ko. Prima storica qualificazione ai quarti di Uefa

marzo 19, 2009 di  
Inserito in Europa League, Udinese

marino

Marino nella storia dell’Udinese
copyright flickr.com

San Pietroburgo– Soffre, va sotto, reagisce con personalità, perde, ma conquista comunque un traguardo storico. L’Udinese limita i danni all0 stadio Petrovsky, uscendo sconfitta di misura dalla sfida con lo Zenit per 1-0 (rete di Tymoshchuk), e guadagna così la prima qualificazione ai quarti di una competizione europea della sua storia. All’andata, infatti, la band Marino prevalse 2-0. I friulani rischiano il tracollo in un primo tempo di sostanziale sofferenza, poi meriterebbero il pari nella ripresa. Ma basta e avanza per spodestare i detentori del trofeo. Un’impresa, considerando che la formazione di Advocaat è stata l’ultima squadra in grado di battere, in Europa, i campioni del mondo del Manchester United.

Sofferenza– Lo squalificato Marino -relegato in tribuna- si affida a Lukovic per tamponare l’assenza di Ferronetti sull’out destro. Advocaat, invece, recupera all’ultimo Tymoshchuk, schierandolo a sorpresa come centrale difensivo. Dopo un buon avvio dei friulani (inzuccata di Quagliarella di poco alta), i russi iniziano a premere sull’acceleratore a caccia del gol che riaprirebbe la contesa. Gli uomini di Advocaat premono sulla corsia destra, individuando -a giusta ragione-  nel terzino slavo il tallone d’Achille dello schieramento friulano. Iniziano a fioccare corner su corner, Lukovic salva sulla linea con un tocco di mano rischiando grossissimo. Zyrianov mette i brividi ad Handanovic, ma quando gli ospiti ripartono in contropiede con Quagliarella e Di Natale sono insidiosissimi. Il moto perpetuo e la qualità di Fayzulin e Danny, però, rimangono un rebus per la difesa friulana che soffre sempre più e incassa l’inevitabile vantaggio russo. E’ capitan Tymoshchuk a capitalizzare di testa su un’azione da corner; Handanovic smanaccia, ma la palla ha già oltrepassato la linea. 1-0 per lo Zenit. E’ il momento peggiore per la band Marino, che suda freddo sulle insidiosissime conclusioni dei soliti Fayzulin e Danny. Il fischio finale è una liberazione.

Personalità– Marino prova a invertire Lukovic con Zapata per limitare i danni, anche se il terzino è costretto ad uscire per infortunio al 59′. Al suo posto entra Isla, già schierato in difesa nell’ultima di campionato. Ma è l’atteggiamento, decisamente più sicuro e autoritario, a cambiare. Dopo un guizzo di Danny, è infatti la band Marino a collezionare le migliori occasioni: Malaveef è costretto agli straordinari su Quagliarella, che ci prova prima di piede poi di testa. Lo Zenit prova a spingere, ma non ha più la necessaria lucidità, mentre l’Udinese cresce, e meriterebbe il pari sul colpo di testa di Pepe -che fa la barba al palo- e con Di Natale, fermato da uno strepitoso recupero di Tymoshchuk. Advocaat prova a dar più peso all’attacco con Tekke e Huszti, ma la manovra ne risulta impoverita. L’Udinese chiude in avanti, quasi in scioltezza, e conduce in porto la sconfitta più dolce e preziosa della sua storia. I campioni tornano a casa, i bianconeri continuano a sognare e tengono alto l’onore del calcio italiano.