18/11/2017

Pokerissimo Barcellona. Ai quarti anche il Porto

marzo 12, 2009 di  
Inserito in Champions League

henry_etoo_messi

Il trio delle meraviglie affonda il Lione
copyright flickr.com

Nella “buia e tetra” serata di Champions League che ha sancito l’estromissione del calcio italiano dai quarti, per la prima volta dopo otto anni, si è completato il tabellone delle magnifiche otto con il passaggio di Barcellona e Porto. A casa Lione e Atletico Madrid.

Barcellona- Olympique Lione 5-2
Torna a dar spettacolo la band Guardiola, sospinta dal trio delle meraviglie. Dopo i brividi dell’andata, i blaugrana mostrano il loro lato più bello e annichiliscono i francesi in 45′ minuti pressochè perfetti. Henry fa doppietta su gentile concessione del connazionale Boumsong -che sbaglia due volte il fuorigioco- arrivando a quota 50 gol in Champions, Messi ubriaca con una serpentina la retroguardia ospite e piazza un sinistro precisissimo dove Lloris non può arrivare. All’appello del trio delle meraviglie manca solo Eto’o, ma a fine frazione il camerunense risponde presente con una conclusione rabbiosa. Sul 4-0 la formazione di Guardiola si rilassa, e permette al Lione di riaccendere la speranza con una capocciata di Makoun e un destro di Juninho. Al 37′ Benzema ha addirittura sui piedi la palla che potrebbe riaprire la contesa, ma spara alto da buona posizione. Ogni velleità è riposta con l’espulsione per proteste di Juninho. Al 92′ c’è gloria anche per Keita, che fissa il 5-2 finale in contropiede. Barcellona in scioltezza ai quarti.

Porto-Atletico Madrid 0-0
Sbuffano, sprecano e faticano, ma alla fine passano con merito i Dragoni. Abel Resino, infatti, lascia a sorpresa Forlan in panchina, e i colchoneros non sembrano aver il peso specifico per espugnare Oporto dopo il 2-2 del Vicente Calderon. Anzi, sono i padroni di casa a costruire le occasioni più ghiotte; non a caso va a Leo Franco, estremo degli iberici, la palma di migliore in campo. Clamoroso poi il palo colpito da Lisandro Lopez a porta sguarnita. Ma lo 0-0 basta per accedere ai quarti. Il Porto riscatta la beffa di 12 mesi fa, quando fu eliminato -immeritatamente- ai rigori dallo Schalke 04.