24/11/2017

Show Reds, Real umiliato. Bayern a forza sette, Villarreal sbanca Atene

marzo 10, 2009 di  
Inserito in Champions League

Gol e spettacolo a volontà in questa serata di Champions. Il ritorno degli ottavi ha regalato ben 15 reti (oltre alle 4 di Juve-Chelsea) ed ha decretato il meritato passaggio ai quarti di Liverpool, Villarreal e Bayern Monaco a scapito di Real Madrid, Panathinaikos e Sporting Lisbona.

gerrard_torres

Gerrard-Torres danno spettacolo e umiliano il Real
copyright flickr.com

Liverpool– Real Madrid 4-0
Prova di forza impressionante dei Reds che spazzano via un Real inguardabile. La formazione di Benitez parte ai 100 all’ora e mette all’angolo le merengues, salvate soltanto dalla bravura di Casillas. Nei primi tre minuti l’estremo iberico salva prima di piede un gran numero di Torres, che si libera di Cannavaro con un sontuoso colpo di tacco, poi con un colpo di reni manda sulla traversa un bolide di Mascherano. L’assedio viene premiato al 16′. Su un lungo lancio dalle retrovie, la coppia Pepe-Cannavaro pasticcia e consente a Kuyt di regalare a Torres il più facile dei gol. Le merengues non ci sono, e la contesa si chiude al 28′: il mani in area di Heinze è dubbio, la trasformazione di Gerrard dal dischetto impeccabile. Sneijder prova a svegliare i suoi con un bolide, ma a inizio ripresa arriva il tris con un’azione spettacolare. Babel fugge a sinistra e centra per Gerrard che fulmina di prima Casillas. Settimo centro in Champions League per il capitano dei Reds. Il Liverpool gioca ormai sul velluto e regala spettacolo; il Real prova a salvare l’orgoglio ma Raul manda alto in spaccata e il gol di Higuain viene annullato per fuorigioco. E così la festa inglese si completa al 90′, quando il neoentrato Dossena firma il poker su assist di Mascherano. Quinta umiliante eliminazione agli ottavi per gli ex galacticos.

Panathinaikos- Villarreal 1-2
Il Sottomarino Giallo espugna Atene e naviga ai quarti. L’inizio è contratto da entrambe le parti, la prima chanche capita alla mezz’ora sui piedi di Gabriel che spedisce alto. Il primo affondo spagnolo, però, potrebbe essere letale, se l’arbitro non annullasse ingiustamente per un tocco di mano la zampata da due passi di Ibagaza. I verdi di Atene rispondono con un bel sinistro di Mantzios su cui si distende Diego Lopez, ma il sinistro vincente è quella del fantasista tascabile del Villarreal, che con un gran colpo a giro trafigge Galinovic (49′). La reazione dei verdi di Atene è immediata. Karagounis semina panico nell’area e si procura un corner, sul quale Mantzios svetta sopra tutti e inchioda il pari (56′). Nella seconda parte di gara, però, giocano meglio gli iberici, e non è un caso che sia Llorente ad andare ancora a segno in contropiede, ben imbeccato da un ispirato Ibagaza (70′). Rossi fallisce il colpo del ko, ma basta e avanza per avanzare ai quarti.

Bayern Monaco- Sporting Lisbona 7-1
Dopo i cinque gol dell’andata, i bavaresi -seppur privi di Toni e Ribery- calano il settebello contro la ridicola retroguardia lusitana. Pronti via e al 9′ va già in rete Podolski con una botta da fuori. Al 19′ Klose centra il palo, mentre al 34′ Podolski fa doppietta approfittando di un tragicomico scontro tra Rui Patricio e Anderson Polga. Il centrale carioca fa ancora peggio poco dopo, infilando il suo portiere con un clamoroso autogol. Moutinho prova a rendere meno pesante la batosta con una bellissima conclusione che s’infila all’incrocio, ma Schweinsteiger cala il poker a fine frazione su suggerimento di Lell. I portoghesi ci mettono perlomeno l’orgoglio nella ripresa, impegnando in diverse occasioni Butt, ma sono sempre i bavaresi a trovare la via della rete. Sull’ennesima topica di Anderson Polga Van Bommel fa cinquina, Klose sigla il 6-1 su calcio di rigore. L’incubo lusitano termina nel finale con la settima rete ad opera del giovane Muller. Tutto troppo facile per la formazione di Klinsmann, attesa da un ben più probante impegno nei quarti.