24/11/2017

Il Real frena nel derby, riallungo del Barcellona. Crisi Valencia

marzo 8, 2009 di  
Inserito in Liga

forlan2

Forlan blocca il Real Madrid
copyright flickr.com

Madrid– All’undicesima il Real si fermò. La 26° giornata di Liga sancisce la fine della corsa merengues e del suo recupero sul Barcellona, che riprende il discorso con la vittoria al Sant Mames di Bilbao. E’ l’Atletico Madrid, infatti, a bloccare i cugini dopo averli favoriti con la vittoria sui blaugrana di sette giorni fa: le lunghezze di distacco tornano ad essere sei. Siviglia e Villarreal, alle loro spalle, lanciano una minifuga per i piazzamenti Champions, vista la perdurante crisi del Valencia, caduto anche col fanalino di coda Numancia (1-2). Rimonta sensazionale del Maiorca sul Betis (3-3), cinquina del Depor al Racing, colpi esterni di Malaga, Sporting e Valladolid.

Pari ‘scippato’– Un Atletico in gran forma ferma dunque la corsa del Real Madrid. E, a dir il vero, i colchoneros meriterebbero la vittoria anche contro gli odiati cugini, visto che l’1-1 targato Huntelaar è viziato da una netta posizione di fuorigioco. La formazione di Resino si porta in vantaggio con un contropiede avviato da Aguero e finalizzato da Forlan (38′) e tiene le redini del gioco. Juande Ramos prova ad invertire il trend con gli ingressi di Higuain e Salgado, e perlomeno viene premiato dalla buona sorte sul pari di Huntelaar. Sull’1-1 le migliori chanches capitano ancora ai colchoneros: Forlan timbra il palo, Aguero sciupa. Il Real scivola a -6 ma ringrazia sentitamente, l’Atletico dimostra di poter lottare per il quarto posto.

Ritorno alla vittoria– Dopo 4 turni di digiuno, il Barcellona torna a vincere e prende una boccata d’ossigeno alla vigilia del match di Champions col Lione. Guardiola non risparmia nessun titolare, visto che l’avversario di turno è la sfidante nella finale della coppa del Re, l’Athletic. Per quanto visto nell’antipasto’ del Camp Nou,  però, vi saranno  ben poche speranze per i baschi. Il giovane Busquets sblocca di testa al 17′, Messi chiude la contesa al 33′ su calcio di rigore concesso per atterramento di Iniesta. Da lì in poi non c’è partita,  i blaugrana sprecano a ripetizione mancando il tris. Il peggio sembra esser alle spalle.

gonzalo_castro

Doppietta Castro
nella super rimonta maiorchina

Crisi Valencia– E’ crisi nera in casa Valencia. Il club del Pipistrello, già funestato dalla grana debiti, deve far i conti anche con una preoccupante serie negativa in campionato: sono appena due i punti raccolti nelle ultime cinque uscite. Gli uomini di Emery riescono addirittura a far resuscitare il boccheggiante Numancia che, grazie ad Aranda e Barkero, ribalta lo svantaggio iniziale e coglie un vitale successo (2-1). Il Valencia scivola a -6 dal quarto posto.
Il Villarreal, infatti, fa il suo dovere battendo l’Espanyol –di nuovo ultimo- con Fuentes, mentre il Siviglia regola l’Almeria 2-1 (KanoutèRenato).
Salgono in piena zona Uefa e continuano a sperare alle loro spalle Deportivo La Coruna e Malaga. La formazione di Lotina dà spettacolo contro il Racing imponendosi con uno scoppiettante 5-3. Colpo esterno, invece, per i biancoblù, che sbancano il Coliseum: Getafe battuto 2-1 con Eliseu Pereira e Baha.
Successi in trasferta anche per lo Sporting, che interrompe il momento positivo dell’Osasuna (2-1; BarralCastro, inutile il calcio di rigore di Nekounam), e Valladolid, che vince in 9 contro 11 a Huelva. Nel 3-2 finale decisiva la doppietta della meteora ex Udinese Goitom. Da un’impresa all’altra a suon di gol, chiudiamo con l’incredibile rimonta del Maiorca sul Betis: sotto 0-3 al 68′, gli isolani in 11 minuti (doppietta di Castro, subentrato al 63′, e sigillo di Webò) acciuffano un pari preziosissimo in chiave salvezza per la disperazione degli andalusi che rimangono impantanati nella cosiddetta zona rossa.