28/07/2017

Il Genoa ospita l’Inter, Juve nel derby col Toro. Milan per la rinascita

marzo 7, 2009 di  
Inserito in Probabili formazioni, Serie A

inter

La capolista fa visita al Genoa
copyright flickr.com

ROMA – La 27esima giornata di serie A si presenta all’insegna di pericolosi  incroci per le grandi squadre che,in vista della champions,non avranno compiti agevoli da affrontare e di scontri diretti per la bassa classifica.

-INTER :L’Inter di Mourinho, dopo le polemiche del post Inter-Roma e la sconfitta in coppa Italia contro la Samp,gioca sempre in quel di Genova ma contro la squadra dell’altra sponda, in questo momento, compagine maggiormente impegnativa sulla carta.

Mourinho per opporsi al pericoloso avversario dovrebbe ritornare alla coppia che lui ritiene maggiormente affidabile cioè Ibrahimovic-Adriano e con il ritorno del giovane Santon. Nel reparto arretrato  al fianco di Cordoba dovrebbe esserci Materazzi ,mentre a centrocampo il ritorno di Muntari è obbligato per la squalifica di Vieira.

-GENOA: In casa genoana, Gasperini si è mostrato comprensivo su alcuni punti esplicati dalle dichiarazioni di Mourinho e al tempo stesso si è dichiarato preouccupato ,comunque, per il blasone della squadra che andrà ad affrontare.Il Genoa dovrebbe schierarsi con il suo classico 3-4-3 solo che uno dei tre attaccanti (Milito-Palladino) dovrebbe essere Mesto quindi con caratteristiche maggiormente difensive.

ROMA: Spalletti dopo le frecciate con Mourinho di questa settimana ha da verificare le condizioni di un De Rossi in non perfetta forma per uno stato febbrile oltre a dover rinunciare nuovamente al capitano Francesco Totti.In compenso tra i giallorossi dovrebbe recuperare Vucinic che insieme a Baptista saranno i punti di riferimeno per l’attacco romanista.

-UDINESE: Marino si dichiara voglioso di far bene e di voler giocare la partita a viso aperto senza troppi calcoli per l’impegno di Uefa contro lo Zenit.Quagliarella non dovrebbe partire tra i titolari favorendo l’impiego di Floroflores al centro dell’attacco.Lukovic e Isla non saranno ,invece,della partita per problemi fisici e quindi al loro posto ci saranno Pasquale e Asamoah rispettivamente.

-TORINO : Novellino prova a dare la carica per il derby contro la Juve mostrandosi sereno e sicuro dei propri mezzi.I precedenti però parlando di un toro che non vince da 14 anni la stracittadina della mole (3-2 ,doppietta di Rizzitelli e goal di Angloma) per cui non si può dire che i granata abbiano i favori del pronostico.La squadra di Novellino dovrebbe partire per un 4-4-2 solido con Stellone e Bianchi davanti e con un Rosina in panchina,questo da quanto emerso dalle ultime indiscrezioni.

-JUVENTUS: La formazione di Ranieri si presenta con un’altra defezione quella del ceco Grygera che non prenderà parte alle ostilità contro il  Toro. La Juventus ,dopo le polemiche di questi giorni,arriva a questo derby vogliosa di strappare altri punti all‘Inter, se vi sarà occasione, quindi con l’idea di provare a raccogliere il bottino pieno. Ranieri, in tal senso, dovrebbe affidarsi alla coppia supercollaudata Del Piero-Trezeguet e Nedved dovrebbe riposare per far posto a Giovinco.

-BOLOGNAMihailovic conferma il 4-5-1 con l’ingresso dal primo minuto di Coelho e Mutarelli al posto di Valiani e Mingazzini. La lista degli indisponibili in casa bolognese è piuttosto lunga: Osvaldo, Marazzina e Moras. Al centro della difesa Terzi e Britos e sulla fascia destra torna Zenoni.

-SAMPDORIA: Mazzarri dopo la vittoria in coppia italia contro l’Inter è più carico che mai soprattutto dalle prestazioni offerte dal duo magico Cassano-Pazzini.Lucchini grazie ai miracoli della tecnologia dovrebbe recuperare,come Gastaldello e far compagnia ad Accardi nel settore difensivo della retroguardia blucerchiata.Centrocampo di emergenza per le squalifiche per cui Dessena dovrebbe ricoprire il ruolo di vice-Palombo.Ovviamente attacco confermatissimo

-CATANIA: Zenga, dopo la vittoria netta nel derby siciliano,pare intenzionato a ripresentare lo stesso schema di gioco 4-1-3-2 con Carboni a far da schermo davanti la difesa. La novità vera rispetto a Palermo è il riferimento avanzato che, stavolta, sarà Paolucci visto l’infortunio di Morimoto. Ancora fuori dalle convocazioni il centrocampista Dica e il difensore Terlizzi.

-SIENA: Giampaolo per la trasferta di Catania: oltre a Rossettini,dovrà rinunciare a Del Prete (influenzato) e Frick alle prese con dei problemi al ginocchio.Confermato il 4-3-1-2 con Kharja dietro Maccarone e Ghezzal.

CHIEVO: La squadra di Di Carlo arriva al confronto contro il Cagliari in ottima condizione psicofisica dopo la vittoria di Bergamo per cui la formazione sarà sostanzialmente la stessa  con l’unica variazione tra i titolari di Italiano. Congermato quindi il 4-3-1-2  con Sorrentino in porta, Frey-Yepes-Morero-Scardina in difesa,Italiano-Luciano-Marcolini a centrocampo ,Pinzi a trequanti e di punta Pellisier e Makinwa.

CAGLIARI: Il Cagliari ha l’obbligo di mostrarsi brillante anche negli scontri diretti per gli obiettivi che si debbono raggiungere a fine stagione.La formazione è praticamente fatta con Pisano,Lopez,Canini e Agostini a difesa di Marchetti.A centrocampo,ritorna Fini,che completa il reparto con Conti e Biondini, in vantaggio su Parola.In attacco Cossu,confermatissimo,a sostegno di Matri o Acquafresca affianco al rientrante Jeda.

FIORENTINA: E’ una partita importante questa per gli uomini di Prandelli che debbono assolutamente riprendere il cammino per arrivare quarti e quindi puntare ai 3 punti di giornata.Anche il presidente Della Valle si è fatto sentire  cercando di spronare l’ambiente a dare il meglio possibile per ripartire con una vittoria.In chiave formazione verso il forfait Kuzmanovic la formazione dovrebbe essere la seguente: Frey-Comotto-Gamberini-Pasqual-Donadel-Felipe Melo-Montolivo-Semioli-Gilardino-Mutu

PALERMO: Pare che le strigliate di Zamparini abbiano i loro effetti anche dal punto di vista tattico come si suol dire. Infatti Ballardini sembra intenzionato ad avallare lo schema 3-4-1-2 ,voluto dal presidente,con Kjaer-Carrozzieri-Bovo in difesa .Centrocampo a quattro con Balzaretti e Cassani sulle fasce e Nocerino e Liverani al centro.Ad agire alle spalle delle due punte Miccoli e Cavani ci sarà, al solito, Simplicio.

LECCE : Beretta prova a trovare ,finalmente,una vittoria tra le mura amica e punta su un 3-5-2 con Tiribocchi e Castillo di punta e Giacomazzi che torna sulla linea dei centrocampisti .A completare il reparto nevralgico del campo ci saranno Caserta, Edinho, Giuliatto e Papa Waigo. A difesa di Benussi difesa a 3 con Stendardo, Fabiano e Schiavi.

REGGINA: Orlandi scioglie quasi tutti i suoi dubbi per la gara di domani, anche se si riserva la decisione finale solo nelle ore che precedono la gara. La rifinitura di stamattina ha dato per abile e arruolato Bruno Cirillo, che negli ultimi giorni ha dovuto recuperare da una distorsione alla caviglia rimediata in allenamento. Ma resta il dubbio se schierarlo o meno. Nella prima ipotesi si avrebbe la totale conferma della formazione che ha impattato domenica scorsa con la Fiorentina. Ma nella mente del tecnico reggino potrebbe anche frullare l’idea di dare maggiore profondità all’azione d’attacco, accentrando Costa in difesa ed inserendo un giocatore con caratteristiche più offensive (ad esempio, Di Gennaro) o che gli dia maggiore equilibrio a centrocampo (ad esempio, Cascione).

MILAN: Per gli uomini di Ancelotti è il momento di reagire e di tornare ai tanto agognati 3 punti. Si deve rinunciare ancora a Kakà e si deve sperare nelle magie di Pato per illuminare il calcio del Milan apparso alquanto involuto.Per cui la formazione dovrebbe vedere a difesa di Abbiati, Zambrotta Maldini Bonera e Jankulovski. A centrocampo la presenza di Beckham Pirlo e Flamini.A trequarti di campo Seedorf a spalleggiare Inzaghi e Pato.

ATALANTA: Del Neri arriva a questo scontro non potendo recuperare nè Floccari, nè Doni , il solo Guarente potrebbe partire dall’inizio. La formazione dovrebbe essere la seguente: Garics, Talamonti, Capelli e Bellini a difesa di Consigli. A centrocampo Ferreira Pinto, Guarente, Cigarini e Padoin. Valdes agirà alle spalle dell’unica punta Plasmati.

NAPOLI: Per il Napoli vale lo stesso discorso del Milan, l’obbligo è vincere e portare a casa i tre punti. Reja punta su una difesa a quattro e con un Hamsik che agirà dietro le punte Lavezzi-Dennis. Con precisione la formazione sarà la seguente: Navarro-Santacroce-Cannavaro-Contini-Aronica-Gargano-Blasi-Bojacino-Hamsik-Lavezzi-Denis.

LAZIO: Delio Rossi arriva allo scontro al San Paolo in ottime condizioni psicofisiche dopo la vittoria in coppa italia contro la Juventus.I soli dubbi, di abbondanza, riguardano l’attacco per capire chi tra Zarate,Rocchi e Pandev rimarrà fuori. La formazione quindi prevederà Muslera-Lichsteiner (recuperato)-Siviglia-Cribari-Kolarov-Brocchi-Ledesma-Matuzalem-Foggia-Zarata-Pandev o Rocchi