17/12/2017

Coppa Italia: la Samp asfalta un’Inter senza testa

marzo 4, 2009 di  
Inserito in Coppa Italia, Inter, Sampdoria

pazzini_cassano

La coppia delle meraviglie doriana asfalta l’Inter
copyright flickr.com

GENOVA– Una Sampdoria che ci mette anima e fiato, dopo la vittoria in campionato sul Milan, abbatte con un categorico 3-0 la corazzata di Mourinho nell’andata della seconda semifinale di Coppa Italia.

DIFESA A 3– L’Inter si affida al turnover in vista del Manchester e Mourinho scende in campo con la linea difensiva composta da Rivas-Materazzi-Cordoba. Torna nella mischia anche Mancini, Balotelli e Adriano in coppia in avanti. Mazzarri rende più robusto il centrocampo, soprattutto sulle fasce, e lascia libertà di inventare calcio a Cassano e Pazzini. E’ difatti sarà solo Samp per gran parte della gara. Non tanto per il numero di pericoli creati davanti alla porta, ma per l’impostazione corale del gioco. Al 9′ è subito gol: Rivas perde palla come un ragazzino alle prime armi e il Tonino nazionale gliela scippa letteralmente involandosi verso Toldo, superato da un pallonetto. I nerazzurri non reagiscono, c’è poca spinta sui laterali e poca convinzione negli ultimi 11 metri. L’unico a rendere vivace il tutto è Balotelli, verso il quale alcuni componenti blucerchiati non risparmiano complimenti. Ma non basta. Ed ecco il raddoppio alla mezz’ora, con un colpo di testa di Pazzini. Ed è ancora l’ex viola a fare tris poco prima dell’intervallo: Muntari, pessima prestazione la sua, lascia così tanto spazio alle iniziative di Cassano e tutta l’Inter ne paga le conseguenze andando sotto di un altro gol, con Pazzini che spinge in rete su una ribattuta di Toldo.

BALOTELLI KO– La ripresa non è bella. Troppo nervosismo e poche emozioni. Al 15′ Gastaldello fa un’entrataccia sul diciottenne talento nerazzurro, beccandosi così la seconda ammonizione. Sampdoria in 10. Poco dopo sempre Balotelli protagonista, ma stavolta fa davvero preoccupare tutti, accasciandosi a terra all’improvviso per via di una botta presa contro un palo in un’azione d’attacco. Per fortuna si riprenderà nello spogliatoio. Al suo posto dentro Obinna. Ma sarà Crespo, subentrato a Maxwell, che impegnerà Castellazzi in due super parate. I ragazzi di Mourinho si svegliano troppo tardi. Per quelli di Mazzarri invece, buona la prima.