18/11/2017

Drogba trascina il Chelsea. Liverpool e Arsenal tornano a sorridere

marzo 3, 2009 di  
Inserito in Premier League

drogba

Drogba ancora decisivo. Portsmouth ko
copyright flickr.com

Londra– Prosegue senza soste il calcio inglese con il turno infrasettimanale, valido per la 28esima giornata di Premier League. Il programma si è aperto con i tre succosi anticipi di Chelsea, Arsenal e Liverpool. Le tre big hanno vinto a braccetto: i Blues hanno confermato il periodo di forma, Reds e Gunners hanno ripreso il discorso con la vittoria dopo gli ultimi stop. Ma la caccia al Manchester United, impegnato stasera col Newcastle insieme alle altre compagini, rimane assai difficoltosa.

Portsmouth-Chelsea 0-1
Hiddink cala il poker. Sotto il segno di Drogba, il Chelsea conquista la quarta vittoria di fila e rimane agganciato al Liverpool al secondo posto. E’ l’attaccante ivoriano a risolvere con una zampata delle sue l’infida e scivolosa trasferta di “Fratton Park”. Fino al 79′, al cross di A.Cole che permette al bomber di regalare tre punti ai Blues, la sfida sembrava propendere infatti verso il pari. Sotto una pioggia battente, James aveva stoppato ogni iniziativa di Lampard, Ballack e Alex, mentre sulle ripartenze Kranjcar e Nugent avevano sprecato il match ball. Un peccato mortale al cospetto del cinico Chelsea del corso Hiddink.

Liverpool-Sunderland 2-0
Dopo l’inopinato ko col Middlesbrough di sabato, rialzano subito la testa i Reds, ma la rimonta sulla capolista rimane per ora impresa ardua, visti i 4 punti di ritardo con due match giocati in più. Con il Sunderland, comunque, è tutto abbastanza semplice. Gli ospiti non creano grossi pericoli (un solo squillo al 7′ di Jones su cui Reina fa buona guardia), alla band Benitez basta attendere il momento giusto per colpire. Al 7′ della ripresa Ngog segna il suo primo gol in Premier su assist del solito Gerrard, al 19′ Benayoun chiude la contesa. Il Liverpool non brilla, ma può ancora sperare.

West Bromwich-Arsenal 1-3
Contro il fanalino di coda, i Gunners debellano il virus pareggite che li affliggeva da cinque turni. La maledizione del gol, mai arrivato nelle ultime quattro gare, s’infrange subito grazie ad una papera di Carson su Bendtner (4′). Gli uomini di Wenger, però, confermano i recenti imbarazzi facendosi raggiungere subito da una punizione di Brunt (7′). Per fortuna dei Gunners, gli Albions si ricordano di essere la difesa più disastrosa del torneo e lasciano Tourè libero di staccare e insaccare di testa sulla punizione tagliata di un buon Arshavin (38′). Bendtner fa doppietta al 43′ e centra il palo al 56′, il WBA non è più in grado di reagire. Boccata d’ossigeno per gli eurorivali della Roma.