23/11/2017

Altro ribaltone in vetta. Palermo nella storia, River travolto dal ‘Ciclon’

marzo 2, 2009 di  
Inserito in Apertura / Clausura argentino

san_lorenzo

San Lorenzo show, River annichilito
copyright flickr.com

Buenos Aires– Equilibrio. E’ la parola d’ordine di questo Clausura. La quarta giornata segna infatti l’ennesimo avvicendamento in vetta: il quartetto formato da River, Newell’s, Colon e Godoy Cruz lascia il posto ad un nuovo terzetto composto Lanus, Arsenal e Gimnasia La Plata, di cui solo la prima sembra davvero in grado di lottare per il vertice. Ma è stato anche il weekend del ritorno al gol con record di Martin Palermo che rivitalizza il Boca  e della sonante cinquina con cui il San Lorenzo riporta il River Plate sulla terra.

Nuovo trio in vetta– Sand rimane a secco, ma il piccolo fenomeno Toto Salvio, già a segno sette giorni fa, regala il bis contro il Gimnasia Jujuy. Il Lanus di Zubeldia, del trio in vetta, pare l’unica attrezzata per lottare realmente per il titolo, come fu nell’ultimo Apertura. Ma per ora è lecito sognare anche per il piccolo Arsenal de Sarandì e il suo bomber Leguizamon, divenuto capocannoniere solitario con il 4° centro in altrettante gare. A farne le spese l’Estudiantes (0-2) che, privo di Veron, pare davvero ben poca cosa. Il terzetto è completato dal Gimnasia La Plata, formazione partita per salvarsi, che ha battuto a sorpresa l’Independiente (2-0) con un gol di Maldonado, il giocatore che costò al Genoa la C1 per la celebre valigetta di denaro.

Ciclon devastante, River umiliato– Rialza la testa il San Lorenzo. E come la rialza.  Il Ciclon travolge e umilia l’ex capolista River con una cinquina clamorosa: dopo 27 secondi Santana firma l’1-0, Gonzalez e Bottinelli firmano bis e tris prima del 17′. Bergessio cala il poker al tramonto della prima frazione, Bergessio timbra il 5-1 finale. Una bella pietra sopra la presunta resurrezione del Millonario ed una conferma che, quando i nervi reggono, la formazione di Russo conosce pochi rivali in patria.

mpalermo

Palermo miglior bomber
della storia xeneize

Palermo nella leggenda– Si risveglia anche il Boca Juniors dopo due ko, e lo fa col ritorno al gol del 35enne Palermo (tornato  da poco dopo una lunga assenza dai campi di calcio). Il sempreverde e irriducibile -neanche il brutto infortunio lo ha scalfito- bomber entra nella storia del club segnando il gol numero 195 che gli permette di superare il recordman Varallo. La pratica Huracan è  risolta poi da un altro attaccante, Figueroa: doppietta per l’ex Genoa per il 3-1 finale che spedisce gli xeneizes a -3 dalla vetta.

Le altre– Occhio poi al Velez, unica squadra insieme a Colon e Newells ancora imbattuta. Il Godoy Cruz è spazzato via 4-0, merito del fantasista tascabile Maxi Moralez (doppietta), del redivivo ex Cagliari Larrivey (due gol in altrettanti match) oltre che di Lopez. Le altre due imbattute danno invece ad un bel botta e risposta targato Quiroga-Rivarola.
Buon debutto sulla panchina del Racing per Caruso Lombardi che impatta con l’Argentinos Juniors (1-1), mentre il ko con il Banfield (1-3) rappresenta il capolinea per Gustavo Alfaro alla guida del Rosario Central; al suo posto Reinaldo Carlos Merlo. Infine, continua a penare il Tigre di Cagna. A Tucuman arriva sì il primo punto, ma che è a dir poco amaro, visto che il Matador, avanti 2-1 con doppietta di Luna, si acciuffare a tempo scaduto da Quinteros.