23/11/2017

Bundesliga: Amburgo al comando, Bayern ancora k.o.

febbraio 24, 2009 di  
Inserito in Bundesliga

BERLINO- Pazza Bundesliga…dopo 21 giornate troviamo ben sei squadre in sei punti; 9 (nove) in undici, ossia i punti di distacco del Milan sull’Inter, tanto per fare un paragone. Altro dato interessante: la squadra meno battuta del campionato è…(rullo di tamburi)…il Borussia Dortmund. I gialloneri hanno perso soltanto tre partite eppure devono recuperare 10 punti dalla nuova capolista: l’Amburgo, squadra dal rendimento esterno di una provinciale. Ecco la magia della Bundesliga 2008/09. Doveva essere una parata del Bayern, con Schalke 04 e Werder Brema nei panni delle outsider: ebbene il Bayern corre a sei punti dalla testa, lo Schalke è nono a 11, il Werder addirittura undicesimo a 15 (questi si, troppi) punti dall’Amburgo e a 9 (soltanto) dal Bochum terz’ultimo.

jansen

Jansen eroe della neocapolista Amburgo
copyright flickr.com

La settimana dell’Amburgo- Inutile fare proclami, a 13 giornate dal termine può succedere di tutto. Anche che il Colonia trovi la striscia giusta e vinca il campionato. Del resto i renani sabato hanno demolito l’Allianz Arena: Ehret e Brosinski in poco più di una mezzora tolgono le residue certezze ad un Bayern impegnato in Champions contro un Lione in ripresa. A poco serve il gol di Van Buyten all’84’. Forse a ricordarsi che Klinsmann è un patito della condizione fisica, e che i bavaresi hanno spesso e volentieri più benzina delle altre. Ma è davvero un pregio, se ti chiami Bayern, sei una corazzata e dovresti sbranare gli avversari anche solo con la tecnica?! Passiamo alle nove dolci di giornata: l’Amburgo vince in trasferta (e già siamo all’evento storico) e, come detto, recupera la vetta della classifica. Quello che si era taciuto è che la vittoria arriva a Leverkusen, che la scorsa settimana aveva spazzato via a tavolino l’Hoffenheim (“Crollo Hoffenheim, Hertha in vetta“). Eroe di giornata Jansen, autore di una doppietta per gli anseatici, mentre il solito Helmes segnava il momentaneo pareggio per le aspirine. 1-2 al 90′. L’Erbstmeister Hoffenheim si riprende dalla brutta batosta di una settimana fa andando a regalare spettacolo a Stoccarda. Il problema è che anche gli uomini di Babbel non sono da meno: ne esce uno splendido 3-3 fatto di botta e risposta continui; le difese non ne escono benissimo, ma magari fosse sempre così. Spiccano la tripletta di Demba Ba per gli uomini di Ragnick e la doppietta dell’ormai ritrovato Mario Gomez. Del neo-tedesco Cacau la rete del momentaneo 1-1 svevo. L’Hertha dura in vetta soltanto una settimana. Berlinesi escono sconfitti dalla sfida con il Wolfsburg 2-1, nonostante il vantaggio di Cicero è il solito Dzeko a firmare la doppietta che porta in alto i VW Boys, a soli 6 punti dall’Amburgo. Per Barzagli e soci sperare è lecito.

Le altre- Il Werder esce con le ossa rotte da Cottbus. Gli uomini di Schaaf dopo il buon pareggio in Coppa UEFA con il Milan ripiombano nella mediocrità. 2-1 il risultato finale, con la beffa del gol al 90′ di Rangelov. A Brema è ancora notte fonda…In zona salvezza passo in avanti del Borussia MG vince in casa con l’Hannover. Il gol vittoria è del sempreverde Neuville all’85’; da segnalare c’è il gol del Giovinco tedesco: Marko Marin, classe ’89, fisico inversamente proporzionale alla classe. Segni particolari: ha già esordito in nazionale. Gli uomini di Ziege si riportano in corsa approfittando del pareggio tra Arminia Bielefeld e Bochum e del ritorno al successo dell’Eintracht Francoforte a Karlsrhue grazie al brasiliano Caio.
Last but not least, Schalke 04Borussia Dortmund. Mi ci sono soffermato all’andata: questo è il derby di Germania, della Ruhr, del popolo. Il vero evento della stagione di calcio tedesca. Quest’anno conta poco: le due squadra sguazzano a centro classifica, sono già fuori dall’Europa ed hanno poche chance di tornarci (certo vale ancora il discorso fatto all’inizio del mio articolo, ma il realismo è un’altra cosa). L’1-1 di venerdì (Kuranyi per i blu, Zidan per i gialloneri) è l’ennesimo indizio di una stagione da buttare.