23/10/2017

L’Inter chiama, la Juventus risponde. Taddei archivia la pratica Siena

febbraio 22, 2009 di  
Inserito in Bologna, Inter, Juventus, Roma, Serie A

autobed/copyright flickr.com

Balotelli finalmente decisivo in campo
autobed/copyright flickr.com

ROMA – L’effetto Manchester non blocca la  corsa in campionato dell’Inter, che come un rullo compressore si prende i tre punti anche a Bologna e ora viaggia da leader verso l’appuntamento con la Champions. Il tris di anticipi della 25/a giornata della serie A sorride anche a Roma e Juventus. I giallorossi battono il Siena di misura, i bianconeri espugnano il Barbera ritrovando Trezeguet.


BOLOGNA-INTER 1-2

Ancora sotto il segno delle polemiche. L’Inter espugna il Dall’Ara 2-1 ma lo fa ancora una volta aiutato dal “braccio di Adriano”. Il gol del vantaggio nerazzurro, infatti, è arrivato da un assist di Adriano che, come sei giorni fa nel derby, è viziato da un tocco di braccio: involontario finché si vuole, ha reso perfetto il passaggio.
Primo tempo di stampo nerazzurro con i campioni d’Italia che cercano di sorprendere invano Antonioli con una serie di conclusioni dalla distanza. Nella ripresa, come nella prima frazione, è l’Inter a far la gara. Al 12′, sul primo angolo della partita gli uomini di Mourinho vanno in vantaggio con Cambiasso smarcato dal braccio di Adriano. Il Bologna a quel punto non perde la testa e si riversa in avanti mettendo in difficoltà i nerazzurri. Julio Cesar prima si supera su una deviazione involontaria di Stankovic, poi si esalta su in colpo di testa di Marazzina, prima di capitolare al 34′ sull’incornata di Britos. Nemmeno il tempo di gioire che Balotelli, appena entrato, batte Antonioli su punizione. Allo scadere è ancora il portiere brasiliano dell’Inter  a salvare la gara con una gran parata su Di Vaio.

ROMA-SIENA 1-0

La Roma archivia la pratica Siena con un gran gol di Taddei ma soffre fino al triplice fischio finale. Sono dei giallorossi le uniche azioni degne di nota del primo tempo, entrambe firmate Baptista.
La ripresa è tutta un’altra musica. La Roma torna in campo determinata e al 17′ passa con Taddei che intercetta una respinta corta di Galloppa in area. Il brasiliano, da fermo, lascia partire un destro a girare che finisce all’incrocio dei pali. A questo punto gli uomini di Spalletti provano a contenere l’onda d’urto di un Siena per nulla rassegnato. L’ultimo sussulto di questo match di calcio arriva allo scadere con Amoruso che di testa chiama Doni all’intervento.

sissoko

Gran gol per Sissoko
copyright flickr.com

PALERMO-JUVENTUS 0-2

Bastano due fiammate alla Juve per battere un Palermo volenteroso, ma poco concreto. Sissoko e Trezeguet regalano ai bianconeri i tre punti della speranza nell’inseguimento all’Inter, mentre i rosanero interrompono la serie positiva casalinga che durava da cinque giornate. Tutto esaurito al Barbera per l’arrivo della Signora. Neanche il tempo di cominciare e il Palermo si presenta davanti a Buffon con Miccoli: stop e tiro del pugliese che l’estremo difensore bianconero riesce a respingere sui piedi di Cavani, l’uruguayano però non trova il tempo giusto e cicca la palla. Passa solo un minuto e stavolta oltre a Buffon trema anche la traversa su un altro tiro del folletto salentino. La carambola favorisce Simplicio che prova di testa, ma il numero 1 bianconero si fa trovare pronto. Basta un guizzo, però, alla Juve per passare in vantaggio. Il fulmine arriva al 27′, quando Sissoko prende palla a centrocampo aiutato da un rimpallo fortunoso. Il francese va dritto verso la porta, ubriaca Bovo con una doppia finta e infila Amelia.
Nella ripresa il Palermo si riversa confusamente in avanti. Fiammata di Nocerino al 18′, il suo destro viene deviato con un colpo di reni da Buffon. Al 35′, però, Trezeguet chiude i conti con un sinistro deviato da Kjaer alle spalle di Amelia.