18/11/2017

Samp, brutto ko interno col Metalist. In Ucraina servirà il colpaccio

febbraio 18, 2009 di  
Inserito in Europa League, Sampdoria

metalist

Il Metalist sorprende la Samp
copyright flickr.com

Genova– Capitombolo inatteso per la Sampdoria nell’andata dei sedicesimi di coppa Uefa. Dopo aver fatto fuori il Siviglia nella fase a gironi, i blucerchiati cadono al cospetto dei semisconosciuti ucraini del Metalist Kharkiv a Marassi (0-1), stadio inviolato in Europa da 12 partite. Una Samp davvero brutta a cui ora servirà una mezza impresa in Ucraina per ribaltare questa sconfitta. Dal canto loro, gli ucraini continuano ad imporre la loro personalissima legge dell’1-0: prima della Samp vi avevano già fatto i conti Besiktas, Olimpiacos, Galatasaray e Benfica. L’apoteosi del cinismo.

La legge dell’1-0– I doriani appaiono impacciati sin dalle prime battute. L’assenza di Pazzini si fa sentire, le folate di Padalino e Cassano sono troppe estemporanee. Gli ucraini non fanno granchè, ma si difendono con ordine e quando avanzano mettono i brividi: Silusar spara alto da due passi. Il compagno Oliynyk, invece, non sbaglia: al 48′ svetta bene su un cross dalla sinistra e castiga Castellazzi. Nella ripresa la formazione di Mazzarri è più aggressiva, ma non basta. Così come i cambi ordinati dal tecnico (Sammarco, Pieri e il giovane Marilungo). Bellucci e Padalino reclamano invano un penalty, Castellazzi salva ancora su Oliynyk. Il forcing finale è tanto lodevole quanto improduttivo, il Metalist porta a casa l’ennesima affermazione della sua sorprendente avventura Uefa. Il 26 febbraio a Kharkiv servirà ben altro calcio per regalarsi un ottavo di lusso con la vincente di Dinamo Kiev-Valencia.