23/08/2017

Livorno e Bari si dividono la posta, ne approfittano Parma e Brescia

febbraio 18, 2009 di  
Inserito in Serie B

di Cristian Rosato, Michael Vittori e Andrea Ragazzini

ROMA – Tra le due litiganti la terza gode. Livorno e Bari si annullano (1-1) nel big match di giornata e ad approfittarne sono il Parma, che supera solo nel finale il Frosinone (1-2) e sale al secondo posto a soli due punti dal duo di testa, e il Brescia vittorioso sull’Ancona e posizionato un gradino più sotto. Rientra in zona play off un rigenerato Grosseto che batte l’Avellino (3-2) e supera in classifica l’Empoli travolto a Modena (3-0). La Triestina batte la Salernitana (3-1) e distanzia il Vicenza fermato in casa dal Pisa (0-0). In coda gran balzo dell’Ascoli che batte il Mantova (2-0) e allontana il Treviso che non va oltre l’1-1 col Cittadella. Ok il Piacenza che espugna Rimini (0-2) e si porta a ridosso proprio dei romagnoli.

okaka

Okaka rilancia il Brescia
copyright flickr.com

ALBINOLEFFE- SASSUOLO 1-0
Un guizzo di Cellini all’87’ condanna alla sconfitta gli emiliani interrompendo la loro striscia positiva a sei partite. Partita non entusiasmante, con poche occasioni da registrare; la più ghiotta capita a Ruopolo ma Bressan fa buona guardia. Tre punti pesanti per gli orobici, mentre i neroverdi scivolano al quinto posto.

ASCOLI – MANTOVA 2-0
Continua la risalita dei marchigiani che escono dopo tanto tempo dalla zona retrocessione. A far le spese con la voglia di salvezza dei bianconeri un Mantova come sempre altalenante e che ora deve guardarsi con preoccupazione alle spalle: i play-out son appena tre gradini sotto. Il palo di Godeas in avvio è solo un’illusione, perchè sono i bomber di casa a decidere la contesa: Soncin al 34′ e Bucchi su rigore al 46′. Inutili i tentativi di rimonta virgiliana.

BRESCIA – ANCONA 3-0
Il solito Brescia casalingo e il solito Ancona da trasferta. Pronostico pienamente rispettato al Rigamonti con i neoacquisti lombardi Okaka e Tognozzi a segno. In mezzo, la lodevole ma sfortunata reazione dei dorici, che sciupano due chanches clamorose con Schiattarella e Mastronunzio. Nel finale chiude definitivamente i conti Baronio con il tris direttamente da corner. Le rondinelle si riavvicinano così alla promozione diretta, ora distante tre punti.

CITTADELLA – TREVISO 1-1
Pari e patta nel derby veneto per la salvezza. Succede tutto nei primi venti minuti: al 7′ Baccin porta avanti gli ospiti, 10′ dopo De Gasperi impatta con la complicità di Guardalben. La formazione di Gotti cerca il successo, ma dopo il palo di Foti, viene frenata dal rosso a Pianu. Il pari accontenta di più i granata, mentre gli ospiti vedono allontanarsi i play-out.

GROSSETO-AVELLINO 3-2
Il Grosseto inizia nel migliore dei modi l’avventura con Ezio Rossi in panchina, dopo l’esonero di Gustinetti. Al 27′ i biancorossi vanno in vantaggio con una mezza rovesciata di Sansovini. Passano tre minuti e i padroni di casa raddoppiano con Pichlmann bravo ad agganciare un suggerimento di Cordova e a trovare il tempo e il varco giusto per infilare il portiere con un preciso rasoterra di sinistro. Al 35′ gli irpini si ritrovano sotto di tre reti grazie a un colpo di testa di Freddi su azione d’angolo. Nella ripresa si risveglia l’Avellino che con una doppietta di uno scatenato Sforzini si rifà sotto. Troppo tardi per riprendere un match gettato via nel primo tempo.

rossini

Rossini riacciuffa il Bari
copyright flickr.com

LIVORNO-BARI 1-1
Il big match della giornata tra le due capoliste finisce con un giusto 1-1 che fa bene solo alle inseguitrici. Parte meglio la squadra di Antonio Conte che dopo aver sfiorato il vantaggio con Parisi, sblocca il risultato al 27′ con un gran destro a giro di Gazzi. Il Livorno non ci sta e, dopo essere andato vicino al pari con Tavano che colpisce in pieno la traversa, pareggia al 41′ con un colpo di testa di Rossini. Nella ripresa le due compagini si annullano.

FROSINONE-PARMA 1-2
Un incredibile autogol di Lucenti nel primo dei tre minuti di recupero del secondo tempo regala tre punti pesantissimi ad un Parma che vince sul campo del Matusa di Frosinone in rimonta dopo aver operato per lunghi tratti un netto predominio territoriale.  Ciociari in vantaggio al 13′ con Cavalli, bravo e fortunato di tacco a battere Pavarini. Il Parma ci prova in tutti i modi con un indiavolato Vantaggiato ma la palla sembra proprio non volerne sapere di entrare. Nella ripresa dopo una serie di occasioni la squadra di Guidolin perviene al pareggio al 27′ con Manzoni che in un’area affollata trova lo spiraglio giusto per infilare con un diagonale l’angolo sinistro di Frattali. Alla fine quando ormai il pareggio sembra essere il risultato della partita arriva l’autorete che regala i tre punti che valgono il secondo posto in classifica a soli due punti dal duo di testa.

MODENA – EMPOLI 3-0
L’Empoli che non ti aspetti, la partita che non ti aspetti; ti aspetti un Empoli pronto a prendere 3 punti facili contro l’ultima in classifica ed invece un Modena pieno di grinta ed orgoglio segna tre goal con Giampà, Biabiany e Oliveira e scrive così il risultato più sorprendente della giornata.

RIMINI – PIACENZA 0-2
E’ notte fonda in terra romagnola. Dopo la brutta prestazione di Empoli, i biancorossi si ripetono. Senza 4 titolari squalificati e con un Milone che si fa espellere dopo pochi minuti del secondo tempo, cade all’80’ col goal dell’ex Davide Moscardelli per poi incassarne un altro a tempo scaduto da Graffiedi. Squadra entrata in un tunnel che rischia di portare il Rimini in zone molto pericolose della classifica.

TRIESTINA – SALERNITANA 3-1
Due gol per tempo, fissano il risultato sul 3 a 1 per i padroni di casa. Le reti dopo nemmeno 15′ di Rocca e poi Minelli. Accorcia le distanze Iunco, ma Princivalli allo scadere spegne le speranze di rimonta dei salernitani. A Trieste rimane vivo il sogno play-off.

VICENZA – PISA 0-0
Unico zero a zero della giornata. Forse ci si aspettava qualcosa di più dai toscani dopo la vittoria nel derby di sabato contro il super Livorno di Leo Acori. Ma un punto che sicuramente fà morale in casa pisana. Un pò meno in casa vicentina.