21/10/2017

Cadono le big. Vola il Newell’s di Sensini, Fabbiani trascina il River

febbraio 16, 2009 di  
Inserito in Apertura / Clausura argentino

sensini

Sensini sbanca la “Bombonera”
copyright flickr.com

Buenos Aires– La caduta degli dei. Rotolano tutte le teste coronate del calcio argentino già alla seconda tornata del Clausura: cadono in casa Boca Juniors e San Lorenzo, cede ancora il Tigre. Ride soltanto il River, che vince in rimonta sul terreno del Rosario Central. In una giornata densa di gol e colpi esterni, in vetta a punteggio pieno ritrovi così un terzetto imprevedibile: il Newell’s Old Boys di Sensini, matador degli xeneizes, l’Arsenal de Sarandì e l’Huracan.

Colpaccio Sensini– Nella serata del gran ritorno di Palermo, Sensini rovina la festa al Boca. Gli xeneizes disputano un buon primo tempo, poi si addormentano e lasciano campo al Newell’s Old Boys. La coppia Formica (attaccante tascabile)-Armani confeziona il primo gol, l’ala Sperdutti -hombre del partido- raddoppia e chiude i conti. E’ impresa, dunque, per Sensini; non capita tutti i giorni d’espugnare la Bombonera, e le ultime due volte che è successo è arrivato il titolo. Ischia può consolarsi con la ricomposizione del tridente Riquelme-Palacio-Palermo in attesa di giornate migliori.

fabbiani

L’Orco Fabbiani
copyright flickr.com

Nel segno dei bomber– Torna il sorriso in casa River Plate. Il Millonarios forse ha trovato un trascinatore, Cristian Fabbiani, l’ex bomber del Newell’s che ha voluto a tutti i costi esser ceduto alla sua squadra del cuore. L’Orco, così denominato per la sua imponente stazza (188 cm x 102 kg), sta ripagando in pieno l’investimento, poichè trascina i suoi alla rimonta sul campo del Rosario Central segnando il gol vittoria (2-1). Primo successo per il neotecnico Gorosito.
Nel turno delle sorprese, il pericolante Godoy Cruz (la retrocessione viene decretata in base ad un difficile calcolo degli ultimi campionati) sbanca San Lorenzo. E lo fa rimontando con Borghello e Caruso lo sciagurato autogol iniziale di Carranza. Cade ancora il Tigre inchiodato a quota zero e castigato dalla doppietta di Leguizamon, attaccante dell’altra capolista a sorpresa Arsenal de Sarandì. Il terzetto è completato dall’Huracan che sfrutta il calendario agevole spazzando via a domicilio il Racing (1-4).
Sconfitta inaspettata pure per un’altra protagonista annunciata, il Lanus, che cede 3-2 a La Plata contro il Gimnasia. Il grande protagonista di giornata, però, è Canio, che con una tripletta affonda l’Independiente e lancia il suo San Martin. Al Banfield basta invece Bertolo per aver la meglio su un Estudiantes privo di Veron, mentre nel match Velez-Argentinos si registra l’unico pari di giornata: un punto preziosissimo per i padroni di casa che, grazie a Nanni, evitano la sconfitta all’ultimo minuto di recupero (1-1).