24/09/2017

Eto’o riacciuffa il Betis. Record Raul, il Real si riavvicina

febbraio 15, 2009 di  
Inserito in Liga

etoo

Eto’o salva i blaugrana
copyright flickr.com

Madrid– Udite udite, il Barcellona si è fermato. Dopo una serie incredibile di 10 vittorie, gli uomini di Guardiola tornano sulla terra cogliendo pari di platino sul campo del Betis (2-2). Il Real riaccende così la flebile fiammella della speranza asfaltando lo Sporting (4-0) e accorciando a 10 le lunghezze di svantaggio. Ancora un abisso, ma le merengues si sono mostrate pronte ad approfittare della minima incertezza blaugrana. Dietro è la solita bagarre: il Siviglia riprende il discorso con la vittoria dopo tre turni di digiuno (2-0 all’Espanyol sempre più ultimo), le altre pareggiano. Importante successo nello scontro per la salvezza del Maiorca.

Betis vicino all’impresa– C’è mancato davvero poco. Il Barcellona va vicinissimo al secondo ko stagionale in quel di Siviglia. Ci vuole un grande Eto’o e un regalino dell’arbitro, infatti, per raddrizzare una partita che pareva compromessa. Il Betis piazza un micidiale uno-due con Melli e Mark Gonzalez a metà primo tempo illudendo il “Manuel Ruiz de Lopera”. I biancoverdi sono un’iraddidio, trascinati dal redivivo Oliveira, Sergio Garcia ed Emana, ma quando i blaugrana sono alle corde vengono soccorsi dal direttore di gara che assegna loro un rigore quantomeno dubbio. Eto’o si fa ipnotizzare dallo specialista Ricardo ma sulla ribattuta accorcia le distanze. Nella ripresa la pressione ospite sale, dall’altra parte il Betis sciupa più volte il colpo del ko. E così Eto’o al 39′ trova il pertugio per siglare il pareggio e il suo 23°  centro nella Liga. Il Barça è salvo.

raul2

Raul supera Di Stefano
copyright flickr.com

Raul leggendario– Ne approfitta il Real Madrid, spettacolare come non mai nelle ultime uscite. L’ottavo successo consecutivo è infatti il più largo della serie: un 4-0 che non ammette repliche, giunto per altro senza Van der Vaart, Sneijder, Robben e Guti. Lo Sporting deve inchinarsi a Raul che, grazie ad una doppietta, supera Di Stefano e con 309 gol entra definitivamente nella leggenda merengue come miglior marcatore. Juande Ramos può sorridere anche per il sigillo di Huntelaar che dimentica almeno un pò i suoi mugugni per l’esclusione dalla lista Champions. Di Marcelo l’altra rete. Il Real si avvicina a -10.

Le altre– Una doppietta nel finale di Kanoutè restituisce il sorriso al Siviglia. Gli andalusi tornano alla vittoria dopo tre turni e rinforzano il terzo posto. Per l’Espanyol, invece, è notte fonda. Il cambio in panchina non ha migliorato la situazione, ed ora i catalani sono desolatamente ultimi in solitario.
Frenano le altre concorrenti per la Champions. Al Valencia non basta il solito Villa (19° centro) per aver la meglio nello scontro diretto con il Malaga (1-1), Villarreal e Atletico rallentano con identico punteggio rispettivamente a Santander e in casa col Getafe (colchoneros acciuffati all’88’ da Albin). 0-0 del Deportivo con l’ Osasuna.
Per la salvezza, blitz e sorpasso del Maiorca sul Numancia; decide Aduriz. Super rimonta dell’Almeria (da 0-2 a 3-2) sul Valladolid, chiude la giornata il pari in Athletic-Recreativo (1-1).