20/09/2017

Coppa del Re, Barça vicino alla finale. Siviglia ok in zona Cesarini

febbraio 5, 2009 di  
Inserito in Calcio Estero

marquez

Punizione gioiello di Marquez
copyright flickr.com

Madrid– E’ partito il penultimo atto della coppa del Re. Pronostici rispettati nell’andata delle semifinali: il Barcellona ha regolato senza problemi il Maiorca, il Siviglia ha invece faticato per aver la meglio sull’Athletic Bilbao. Blaugrana ad un passo dalla finale, mentre il 4 marzo al Sant Mames si profila una bella battaglia. I baschi, d’altronde, sono persone poco inclini ad arrendersi.

Barcellona-Maiorca 2-0
Seppur privi di Messi, Puyol e Xavi, i blaugrana fanno il bello e il cattivo tempo contro gli isolani. Troppo il divario tra i dominatori della Liga ed una squadra impantanata in piena zona retrocessione. A far le veci dei big, poi, ci pensa Bojan. Il giovane talento mostra tutto il suo repertorio fatto di dribbling secchi e conclusioni rapide. Lux si oppone come può, ma deve inchinarsi al colpo di spalla di Henry su assistenza del talento serbo-spagnolo (35′). Il Barça continua a spingere e sciupare anche con l’ingresso di Messi per il francese, merito in gran parte della serata di grazia del numero maiorchino. Che però deve inchinarsi alla punizione gioiello di Marquez (73′). Il Barça prenota la finale numero 33 della propria storia e pregusta un successo che manca da 11 anni.

Siviglia- Athletic Bilbao 2-1
Al “Sanchez Pizjuan”, complice un violento acquazzone, la partita rischia di non essere disputata, ma alla fine prende il via con cinque minuti di ritardo. Tuttavia, il terreno pesante condiziona parecchio il gioco. Nella palude sivigliana sguazza meglio l’Athletic che si porta in vantaggio con una zampata del solito Llorente (42′). I baschi controllano il match e sfiorano il raddoppio con Ion Velez. L’ingresso di Acosta nelle fila sivigliane cambia però le sorti del match. L’attaccante propizia il primo centro di Duscher con la casacca biancorossa (61′), poi firma l’insperata vittoria in pieno recupero (92′) dopo che Kanoutè aveva calciato alle stelle un calcio di rigore. Successo sudato e alquanto prezioso per l’undici di Jimenez in vista dell’infuocato ritorno di Bilbao.