22/09/2017

Livorno, cinquina d’autore a Mantova. Prove di fuga amaranto per la A

febbraio 2, 2009 di  
Inserito in Livorno, Serie B

tavano1

Tavano show al Martelli
copyright flickr.com

Mantova– Prova di forza del Livorno al “Martelli” nel posticipo della 23esima di B. La formazione di Acori travolge il Mantova con i suoi uomini d’attacco inanellando il 16° risultato utile consecutivo e rinforzando il secondo posto alle spalle del Bari capolista. Amaranto e galletti piazzano dunque il primo strappo stagionale in vetta, staccando il Brescia terzo rispettivamente di quattro e tre lunghezze. Fuga per la A decisiva? Troppo presto per dirlo. Ma sicuramente il Livorno ammirato ieri sera ha tutte le carte in regola per puntare alla promozione diretta.

Equilibrio– La pioggia e il campo fangoso non impediscono alle due squadre in campo di divertire e dar spettacolo. De Lucia fa subito il miracolo su Fissore, ma sono i toscani a passare per primi al 6′ con il 5° centro stagionale di Rossini, abile a tradurre in gol l’assist di Diamanti. La partita è viva e regala emozioni a go go. I virgiliani vanno vicini al pari con Fissore e Corona ma al contempo si scoprono rischiando di subire il raddoppio sempre da Rossini. Alla mezz’ora, però, arriva il meritato pari ad opera di Rizzi.

Show amaranto– Dopo una prima frazione equilibrata, la ripresa è a senso unico. La marea amaranto avanza e travolge l’undici di Costacurta trovando l’immediato vantaggio con Tavano, abile a sfruttare una topica della retroguardia avversaria (4′). Lo show ospite è appena all’inizio, perchè dopo un tentativo di Grauso- l’ultimo sussulto virgiliano di serata- l’asse Tavano-Diamanti affonda i padroni di casa. I due fantasisti si scambiano infatti i ruoli di assist-man e goleador calando tris e poker in rapida successione (12° centro per l’ex Valencia). Le reti di Danilevicius da una parte e Sedivec dall’altra valgono soltanto a titolo di cronaca. Il Livorno fa la voce grossa e si candida- se mai vi fossero dubbi- per la promozione diretta. Il Mantova, invece, incassa il terzo ko consecutivo e mostra tutti i suoi limiti: per puntare ai play-off urge una svolta immediata.