19/11/2017

Raul nella leggenda. Messi fa 5000, il Barça prosegue la sua fuga

febbraio 1, 2009 di  
Inserito in Liga

raul2

Raul aggancia Di Stefano
afp photo/copyright flickr.com

Madrid– Con un Barcellona in fuga inarrestabile, sono i singoli a movimentare la 21esima giornata di Liga. Singoli come Raul e Messi, mica gente qualsiasi. Il capitano merengue è entrato di diritto nella storia del Real agganciando il mitico Di Stefano a quota 307 gol. La Pulce, invece, ha risolto la difficile trasferta di Santander timbrando il gol numero 5000 della storia blaugrana. Il Barça prosegue la sua fuga solitaria, dietro soltanto il Real mantiene il passo, seppur a debita distanza.

Ci pensa Leo– Nelle giornate di difficoltà ci pensa Leo Messi. Il Barcellona, finora irrefrenabile, va incontro ad una serata di stenti in quel di Santander. Il Racing gioca senza timori reverenziali, punge in contropiede e si porta in vantaggio con un rigore di Zigic. A quel punto Guardiola fa togliere la tuta a Messi, rimasto in panchina per riposare dopo le fatiche di coppa. La Pulce entra e rivolta il match come un calzino in un amen. Prima raccoglie una respinta di Tono per siglare il pari, poi scarica un diagonale di destro dopo uno splendido stop di petto. Anche il Racing va ko, il margine sui madridisti rimane di 12 punti.

Raul come Di Stefano– 307, come la “Saeta Rubia”. Raul Gonzalez Blanco entra ufficialmente nella leggenda del Real. La vincente trasferta di Numancia si trasforma nella meritatissima celebrazione del capitano blanco che al 47′ segna una delle più facili tra le sue 307 perle. L’altro eroe di serata- e non è una novità- è Robben, ispiratore del primo gol e autore del raddoppio. La formazione di Ramos coglie il sesto successo di fila sull’unico campo in cui la capolista è caduta ed è sempre più seconda (+6 sul Siviglia terzo). Peccato che il Barcellona sia di un altro pianeta.

messi-barca

Provvidenziale Messi

Convulsa lotta Champions– Torna Villa e riecco il Valencia. Il rientro del bomber iberico riporta al successo la formazione di Emery dopo tre turni senza vittorie e l’eliminazione in coppa del Re. Sua la doppietta (17° e 18° centro in campionato) insieme al sigillo di Joaquin che piegano la resistenza dell’Almeria di Negredo (doppietta anche per lui che lo issa a quota 1o). Vittoria fondamentale in chiave Champions viste le difficoltà altrui. Un Siviglia ampiamente rimaneggiato cade infatti a Gijon (1-0, Castro) e vede i valenciani ad una sola lunghezza, il Villarreal privo di Rossi crolla a La Coruna sotto i colpi di Lafita (doppietta) e Sanchez, scivolando a -3 dalla quarta piazza. Male anche l’Atletico che cade ancora una volta in casa con il Valladolid (1-2). S’infiamma quindi la lotta per la Champions con sei squadre in sei punti (vedi classifica Liga). L’ultima del gruppo è il Malaga che cade però a Bilbao (3-2). I baschi continuano la loro incredibile risalita di questo inizio 2009 ed ora sognano addirittura l’Europa.
Pandiani regala un pesantissimo successo in chiave salvezza all’Osasuna sul Maiorca. La formazione di Camacho aggancia proprio gli isolani e l’Espanyol (pari beffardo con il Recreativo) formando un terzetto di coda. Pari show (2-2) in Betis-Getafe.