18/08/2017

L’Inter si riprende la vetta, il Milan non molla. Roma ok, Lazio che flop

gennaio 25, 2009 di  
Inserito in Serie A

beckhammilan

Primo gol rossonero per Beckham
copyright flickr.com

ROMA – Adriano torna per una notte l’Imperatore di una volta e rilancia l’Inter da sola in testa alla classifica. Il Milan di Kakà, a segno anche con Beckham, tiene il passo con una larga vittoria a Bologna (1-4). La Roma doma il Napoli al San Paolo (3-0) ed è ormai a un passo dalla zona Champions League. Sono i questi i principali risultati della ventesima giornata del campionato di serie A. Nelle altre gare si segnala la straripante vittoria del Cagliari contro la Lazio (1-4) e il rocambolesco  pareggio tra Lecce e Torino (3-3). Completano il quadro le vittorie di Siena e Palermo, rispettivamente su Atalanta (1-0) e Udinese (3-2) e il pareggio tra Genoa e Catania (1-1).

Bologna-Milan 1-4
Dura solo dodici minuti il sogno del Bologna di battere nuovamente il Milan dopo la sorprendente gara d’andata. Il rigore realizzato da Di Vaio all’ottavo minuto scatena la rabbiosa reazione dei rossoneri che prima pareggiano con Seedorf e poi trovano il vantaggio dal dischetto con l’atteso Kakà. L’espulsione di Mudingayi al 40’ della prima frazione chiude di fatto la gara che vede poi altre due marcature, ancora Kakà dopo un pregevole scambio con Pato, e infine Beckham nella ripresa.

Genoa -Catania 1-1
Con i padroni di casa in dieci per l’espulsione di Ferrari non basta a un intraprendente Catania il provvisorio vantaggio firmato Martinez. Milito, al rientro dopo quaranta giorni per infortunio, evita con un guizzo la prima sconfitta interna della stagione. Per il Grifone, apparso meno brillante del solito, è un punto importante che consolida il quarto posto in classifica.

Lazio-Cagliari 1-4
Straordinaria prestazione dei rossoblu di Allegri che restituiscono alla Lazio il 4-1 dell’andata umiliandola a domicilio. I padroni di casa, dopo il vantaggio iniziale di Rocchi, crollano sotto i colpi, tutti nel primo tempo, di Jeda (2), Acquafresca (su rigore) e Matri.  Da segnalare anche due errori dal dischetto dei biancocelesti firmati dal capitano e da Zarate.

Lecce-Torino 3-3
Gara ricca di emozioni con i padroni di casa che masticano amaro per una vittoria che, dopo il 2 a 0 del primo tempo (doppio Munari) e il 3 a 2 della ripresa (Castillo), sembrava a un passo.  L’orgoglio granata si materializza prima con le reti di Saumel e Dellafiore e infine con l’incornata di Natali.

Napoli-Roma 0-3
I giallorossi, che avevano inflitto il 9 marzo 2008 ai partenopei l’ultimo ko casalingo,  si confermano micidiali al San Paolo. Mexes, Juan e Vucinic firmano un successo che vale il quinto posto in classifica a sole tre lunghezze dalla zona Champions League.

Palermo-Udinese 3-2
I padroni di casa continuano l’ottimo avvio del  2009 (tre vittorie su tre partite), mentre l’Udinese conferma tutte le sue difficoltà: nelle ultime 11 partite, solo tre pareggi e otto sconfitte.  Friulani subito in vantaggio con una perfetta punizione di Pepe, poi arrivano la doppietta di Simplicio e il sigillo di Cavani prima del definitivo 3-2 di Di Natale. La panchina di Marino è sempre più incandescente .

adriano-inter

Adriano torna Imperatore
copyright flickr.com

Siena-Atalanta 1-0
I toscani sono ancora una volta micidiali tra le mura amiche mentre i bergamaschi confermano la loro allergia alle trasferte.  L’incontro è deciso da una rete di Mario Frick al 44’ del primo tempo . Atalanta un po’ sfortunata nella ripresa quando ha preso una traversa con Guarente e quando Curci ha smanacciato sulla linea un pallone calciato da Ferreira Pinto.

Inter-Sampdoria 1-0 (posticipo)
Vittoria sofferta per i padroni di casa che tornano da soli in vetta alla classifica. A decidere l’incontro è Adriano che di sinistro trasforma in rete uno splendido assist di Maicon nei minuti di recupero del primo tempo. Ripresa giocata a ritmi più elevati con la Sampdoria che costringe in più occasioni Julio Cesar all’intervento e con alcune chance di raddoppio non sfruttate dai nerazzurri,  su tutte una traversa di Stankovic.