23/08/2017

Il Rimini blocca il Parma delle stelle!

gennaio 25, 2009 di  
Inserito in Parma, Rimini, Serie B

rimini

Parma fermato in trasferta
copyright flickr.com

RIMINI – Finisce in parità il derby emiliano-romagnolo tra i biancorossi di Selighini e i gialloblù di Guidolin, in una Rimini afflitta dal maltempo.

E’ sicuramente una partita ricca di significato al di fuori dell’importanza del match e del fatto che sia un derby: il clima è strano sia per la scomparsa di due tifosi riminesi, che per la sfida degli ex Vantaggiato (bomber della serie B fino a questo momento) e Lunardini, da una parte, e Paponi e Matteini, due giovani molto promettenti, dall’altra.

Primo tempo ricco d’occasioni grazie anche ad un terreno che almeno nella prima frazione di gioco tiene bene la pioggia incessante. Due occasioni per parte, ma è il Rimini ad avere quelle migliori, prima con Ricchiuti al 38′ davanti a Pavarini che però l’ipnotizza, e pochi minuti dopo con Cipriani che non arriva a deviare il pallone grazie all’ottimo intervento del portiere gialloblù. Dall’altra parte è Lucarelli ad essere pericoloso con due conclusioni che l’estremo riminese devia prima in tuffo e poi in angolo coi pugni (6′ e 32′). La prima frazione di gioco si chiude dunque sul punteggio di parità.

Secondo tempo ricco principalmente di cambi ma non di occasioni, forse per la paura di subire lo svantaggio o forse il campo diventato ancora più pesante e scivoloso. Da registrare l’esordio di Matteini e Paponi, non giudicabili per il poco tempo in campo -anche se il secondo ha insidiato allo scadere del secondo tempo Pavarini con un bel rasoterra-, e la prova deludente di Daniele Vantaggiato che, oltre a non aver trovato la via del gol, non ha creato pericoli dalle parti di Pugliesi. Espulso Guidolin (32′) per proteste. Per il resto ottima cornice di pubblico sopratutto per le condizioni atmosferiche molto avverse. Finisce 0-0 con un Rimini convinto dei propri mezzi e di poter creare problemi a tutte le big, ed un Parma che forse deve pensare seriamente se basti avere tante stelle in campo, per pensare alla promozione diretta.