23/09/2017

Man Utd e Chelsea all’ultimo respiro. Arsenal e Aston Villa non mollano

gennaio 19, 2009 di  
Inserito in Premier League

dimitar_berbatov

Berbatov spinge in vetta lo United

Londra– Che traffico in vetta alla Premier League. In attesa del derby di Liverpool di stasera che vedrà impegnata la capolista, le squadre di vertice vincono tutte, rendendo la lotta ala vertice sempre più interessante. Sul filo di lana le affermazioni di Manchester United e Chelsea, meno complicate quelle di Arsenal e Aston Villa. In coda la situazione è ancora più intricata con ben 5 squadre appaiate all’ultimo posto. Insomma, c’è da divertirsi.

Sul filo di lana– Entrambe giunte al 90′, le affermazioni di Red Devils e Blues non potrebbero essere più diverse. Lo United ‘cannoneggia’ il fortino del Bolton al Reebok Stadium per tutto il match e Jaaskelainen para l’impossibile. Fino all’ultimo giro di lancette, quando Tevez disegna una parabola perfetta per Berbatov che insacca il meritatissimo gol vittoria. Quinta affermazione di fila e record di gare senza subire reti in Premier (10): battuto il primato appartenente al Chelsea dell’era Mourinho. La band Ferguson è momentaneamente prima seppur priva di tanti big…
Scolari, invece, ha sudato freddo. Prima del sorpasso firmato BellettiLampard, si stava profilando un ko interno con lo Stoke City che avrebbe rappresentato il capolinea della sua avventura sulla panchina londinese. Dopo un pomeriggio da brivido, il Chelsea rimane in corsa, ma i problemi permangono.

Colpi di Gunners e Villans– Colpi esterni per le altre due inseguitrici. L’Aston Villa sbanca lo Stadium of Light di Sunderland anch’esso in rimonta, ma senza eccessivi patemi. Terza vittoria di fila e quarto posto consolidato: la vetta è lì a tre punti. Tre gradini più sotto l’Arsenal che s’impone di forza in casa di un Hull in caduta libera. Adebayor, Nasri e Bendtner regolano una compagine al quarto ko di fila. Le gioie di inizio campionato (tra cui la vittoria all’esordio coi Gunners) sono un pallido ricordo.

Bagarre in coda– Sorridono Zola e il suo West Ham dopo la convicente vittoria sul Fulham. Gol e assist per Di Michele. Bene anche il City che, in attesa dell’arrivo o meno di Kakà, si aggrappa con tutte le forze al sigillo di Zabaleta per portare a casa l’intera posta in palio contro il Wigan.
In coda, come sovracitato, è caos. Ben cinque, infatti, le formazioni appaiate in coda. Merito del West Bromwich che stende il Middlesbrough agganciandolo in classifica. E del Blackburn che affonda con un tris il Newcastle. Risprofonda un impreciso Tottenham a cui non basta l’ex Defoe per battere il Portsmouth. E’ già finito il positivo influsso di Redknapp?