25/09/2017

Troppa Juve per questo Catania. Ai quarti ecco il Napoli

gennaio 15, 2009 di  
Inserito in Catania, Coppa Italia, Juventus

delpiero_giovinco

Perle d’autore dalla premiata coppia
Del Piero-Giovinco

TORINO – Una Juventus travolgente affonda il Catania 3-0 agli ottavi e accede di diritto ai quarti di finale di Coppa Italia contro il Napoli di Edy Reja. I bianconeri, trascinati da un Del Piero formato “super” hanno letteralmente dominato la gara contro i siciliani non concedendo mai un azione agli avversari.

Solo belle notizie nella notte di Torino per i tifosi della Signora. La seconda giovinezza di Del Piero permette agli uomini di Ranieri di sfornare occasioni da gol a raffica. Non solo, la presenza di Giovinco, con Del Piero in campo, ha dimostrato che il folletto piemontese si relaziona alla perfezione con il numero 10 bianconero, contrariamente a quanto sostengono i maligni. Infine, il ritorno in campo di Gigi Buffon dopo il lungo infortunio. Il numero uno azzurro, non ancora al top, ha mostrato incertezze soprattutto nelle uscite alte, ma ha dato comunque sicurezza a un reparto difensivo in cui è spiccato il giovanissimo Ariaudo.

Veniamo alla gara. La Juve parte forte, cercando di cancellare la mediocre prestazione contro il Siena in campionato, e al 4’ va subito in vantaggio con Marchionni lesto a ribattere in rete una respinta di un incerto Bizzarri su colpo di testa di Del Piero. Il Catania prova una reazione timida e insicura ma la squadra di Ranieri prende letteralmente in mano il centrocampo e gli etnei scompaiono completamente dalla scena. Sissoko impegna il numero uno rossazzurro centralmente, poi Giovinco, liberato da Amauri, scarica sul fondo, quindi è lo stesso brasiliano ad andare vicino al raddoppio. Prima della fine del primo tempo un doppio dribbling di Del Piero lascia sul posto Silvestre ma il diagonale di sinistro del capitano si stampa sul palo.

Sull’1-0 al riposo si attende la reazione degli uomini di Zenga al rientro dagli spogliatoi, ma anche il secondo tempo è di stampo juventino. Al 9’ i bianconeri protestano per un rigore netto non concesso a Sissoko. Passano pochi minuti e Amauri chiama all’intervento Bizzarri su un colpo di testa dal limite dell’area piccola. Sull’azione successiva Giovinco prova il gran gol con un tiro a girare dal limite di sinistra che termina fuori di pochissimo. Al 19’ è Marchionni a sfiorare il 2-0 che arriva al 24’ con Giovinco, al termine di un’azione tutta di prima partita dai piedi dell’ex empolese e resa possibile da un colpo di testa smarcante di uno straordinario Del Piero. Il capitano bianconero prova a mettere il proprio sigillo sulla gara ma la traversa gli nega la gioia del gol. E’ un monologo juventino. Al 26’ il tris: Del Piero, spalle alla porta, riceve palla, si libera di un avversario e con un sinistro sotto l’incrocio trafigge Bizzarri per il definitivo 3-0. Le ultime due occasioni per i bianconeri partono dai piedi di Sissoko (di poco alto) e di Amauri che impegna in due tempi Bizzarri. Il triplice fischio finale di Banti è una liberazione per Zenga che continua a collezionare sconfitte lontano dal Massimino.