24/09/2017

Spettacolo all’Olimpico, ma il pareggio non serve a nessuno

gennaio 12, 2009 di  
Inserito in Milan, Roma, Serie A

vucinic

I protagonisti dell’Olimpico: Vucinic e…
cesval3/copyright flickr.com

ROMA– Chi cercava lo spettacolo dopo la sosta natalizia è stato accontentato questa sera. Posticipo all’Olimpico, Roma-Milan, che show. Finisce in un pareggio inutile per entrambe, ma in una gara che va come un diesel: si parte lenti, soprattutto il Milan. Una formazione a dir poco rivoluzionaria quella che manda in campo Ancelotti: difesa con Favalli centrale- per Kaladze si è riproposto il solito problema al ginocchio- e Beckham dal primo minuto, con Seedorf e Pirlo al centro. Formazione super spregiudicata, dunque. Spalletti invece si affida al 4-3-2-1 senza Totti ancora infortunato e con Baptista e Perrotta a sostegno di Vucinic.

IMBALLATI– Primo tempo un pò noioso, con i giallorossi più in palla, molto veloci sugli esterni, in particolare sulla fascia presieduta da Riise. Il Milan tiene il pallino del gioco ma in avanti combina poco: Pato si sbatte, ma Kakà e Dinho non trovano i verchi giusti per smarcarlo. Possesso palla sterile, e così la Roma ne approfitta con Vucinic, bravissimo a “mangiarsi” Jankulovski in un fazzoletto di carta. E’ vantaggio.

pato

…Pato, una doppietta a testa
copyright flickr.com

RITMI ALTI– Che cambiamento alla ripresa. Un’altra gara. Tutti corrono, il Milan si sveglia e dopo soli 4′ pareggia: Kakà si invola sulla sinistra e mette al centro un assist facile facile per Pato. I rossoneri ci credono e all’8′ passano con un gol capolavoro del 19enne brasiliano, che si beve Mexes in velocità da metà campo e defilato insacca alle spalle di Doni– colpevole sull’uscita- con un pallonetto sublime di sinistro. La Roma è annichilita, ora sono gli ospiti a fare la gara. Ma il pericolo è sempre dietro l’angolo, e per il Milan porta il nome di Vucinic, che quando vede rossonero si esalta. Come al 27′ quando raccoglie un rimpallo e sforna una rete di testa davvero difficile. Nel frattempo c’erano stati due movimenti sulle panchine: Ambrosini per Ronaldinho e Pizarro per Taddei. Pian piano il ritmo cala, la stanchezza si sente, finisce 2-2.

I MIGLIORI– Nella Roma Vucinic- si conferma un cecchino- e Riise. Nel Milan Beckham- gioca 89′ con una diligenza ed una quantità encomiabili- Pirlo- la sua migliore uscita dopo l’infortunio, torna a dettare i tempi come sa- e Pato- gli manca pochissimo per diventare un fenomeno, guardare il secondo gol.

ROMA-MILAN 2-2
(Primo tempo 1-0)
MARCATORI: Vucinic (R) al 22’ p.t., Pato (M) al al 3’ e all’8’ s.t., Vucinic (R) al 27’ s.t.
ROMA (4-3-2-1): Doni; Cassetti (Cicinho dal 36’ s.t.), Mexes, Juan, Riise; Taddei (Pizarro dal 19’ s.t.), De Rossi, Brighi (Aquilani dal 39’ s.t.); Perrotta, Baptista; Vucinic. (Artur, Loria, Panucci, Montella). All: Spalletti
MILAN (4-3-2-1): Abbiati; Zambrotta, Maldini, Favalli, Jankulovski; Beckham (Flamini dal 44’ s.t.), Pirlo, Seedorf; Kakà, Ronaldinho (Ambrosini dal 26’ s.t.); Pato. (Dida, Kaladze, Antonini, Inzaghi F., Shevchenko). All: Ancelotti
ARBITRO: Morganti di Ascoli Piceno
NOTE: spettatori paganti 24.359 per un incasso di 1.024.094 euro, abbonati 29.085 per una quota di 568.421 euro. Ammoniti Pirlo, Seedorf, Riise e Brighi per gioco scorretto. Angoli 3-6. Recuperi p.t. 2’, s.t. 3’